Approvato il nuovo Piano di emergenza comunale a Ortona: è il primo dal 2008

L'ente è uno degli 8 Comuni della provincia di Chieti a essere in regola con le linee giuda regionali del 2015 per la pianificazione comunale e intercomunale di emergenza

La giunta comunale di Ortona, guidata dal sindaco Leo Castiglione, ha approvato il nuovo Piano di emergenza comunale in linea con le prescrizioni regionali e nazionali, contenuto nella delibera di giunta numero 160 dello scorso 22 ottobre.

"Un passaggio epocale", lo definisce il primo cittadino. Il piano precedente risale al 2008.

Con l’approvazione del nuovo Piano di emergenza, il Comune di Ortona rientra tra le poche amministrazioni della provincia di Chieti, otto secondo l’ultima rilevazione, a essere in regola con le linee giuda regionali del 2015 per la pianificazione comunale e intercomunale di emergenza e con le indicazioni del nuovo codice di Protezione civile del 2018.  

Il Piano di emergenza, sia a livello comunale che intercomunale, rappresenta l’insieme delle procedure d’intervento da attuare al verificarsi di un evento emergenziale, garantendo il coordinamento delle strutture chiamate a gestire l’emergenza. Il Piano definisce le principali azioni da svolgere e i soggetti da coinvolgere al verificarsi di un evento emergenziale e riporta il flusso delle informazioni che deve essere garantito tra i soggetti istituzionali (in particolare sindaco, prefetto, presidenti di Provincia e Regione) e tra il Comune e i soggetti operanti sul territorio che concorrono alla gestione dell’emergenza, nonché le azioni per garantire la tempestiva comunicazione e informazione della popolazione.

Nel Piano sono dunque delineate le prime azioni da mettere in atto da parte del sindaco, responsabile del Coc (Centro operativo comunale), nonché dei responsabili delle funzioni di supporto, al fine di garantire una pronta risposta d’intervento alla tipologia di rischi previsti sul territorio comunale, a partire da quello sismico, idrogeologico, maremoti, incendi, industriale e ferroviario.

"Un lavoro importante – commenta il sindaco Castiglione – svolto grazie al contributo dei tecnici comunali e di professionisti esterni che hanno risposto nel 2017 all’avviso pubblico per la costituzione di un gruppo di lavoro volontario per l’elaborazione del nuovo documento. Un percorso di aggiornamento normativo e organizzativo avviato dall’allora assessore Roberta Daloiso e completato dall’attuale assessore Massimo Petaccia e che, dopo l’approvazione in giunta, ora dovrà acquisire il parere di competenza del dipartimento regionale della Protezione civile e l’approvazione definitiva del consiglio comunale".

"Voglio sottolineare l’impegno e il lavoro svolto dai tecnici comunali, a partire dal responsabile Americo Di Nicolantonio e dai professionisti esterni – dice l’assessore alla Protezione civile – per aver raggiunto questo obiettivo che è stato uno dei primi avviati dall’amministrazione Castiglione e che da quando mi sono insediato ho costantemente seguito. Il piano ha lo scopo di individuare i principali rischi presenti all’interno del territorio comunale e di prevedere, prevenire e contrastare gli eventi calamitosi attraverso l’individuazione di appropriate procedure per una rapida ed efficiente gestione dell’emergenza".

Al Piano sono allegati diversi documenti con schede descrittive delle risorse umane, dei mezzi e materiali, l’individuazioni delle aree di accoglienza, attesa e di ammassamento, una sezione cartografica e la definizione di una apposita cartellonistica da posizionare sul territorio.

«Una delle azioni principali previste dal Piano – continua l’assessore Massimo Petaccia – riguarda la comunicazione e informazione alla popolazione che verrà attuata, dopo la definitiva approvazione attraverso mirati incontri pubblici di presentazione del Piano di emergenza e attraverso il sito istituzionale, i canali social network e l’innovativa App “Progetto Scacco” realizzata da Ortona insieme ad altri comuni del territorio». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento