Torna il pubblico alle partite: ingresso contingentato, obbligo di mascherina, divieto di striscioni

Il presidente Marsilio ha firmato l'ordinanza per consentire di assistere agli incontri negli stadi o nei palazzetti, con un numero massimo di partecipanti

Immagine di repertorio

Gli abruzzesi possono tornare allo stadio. Lo ha stabilito la delibera numero 87, firmata oggi (mercoledì 23 settembre), dal presidente della Regione, Marco Marsilio, dopo aver ricevuto un dettagliato piano operativo redatto da un professionista per conto del Teramo calcio. 

L'esperto interpellato dalla società abruzzese di serie C, nel suo studio, ha illustrato le modalità di far assistere alle competizioni sportive un numero massimo di 1.345, nel pieno rispetto delle norme anti Covid. 

L'ordinanza del governatore, nel dettaglio, prevede che da giovedì 24 settembre "è autorizzata la presenza di pubblico durante lo svolgimento di competizioni ed eventi sportivi, riconosciuti dalle relative federazioni, di carattere provinciale, regionale o nazionale", nel rispetto delle disposizioni di sicurezza".

In particolare, la presenza di pubblico è ammessa esclusivamente negli impianti sportivi al chiuso, fino a un massimo di 1.000 persone, e all'aperto, fino a 700, nei quali sia possibile assicurare posti a sedere da preassegnare ai singoli spettatori per l'intera durata dell'evento. Ogni spettatore ha l'obbligo di occupare, per l’intera durata della competizione o dell'evento, esclusivamente il posto a sedere che gli è stato assegnato: non può alzarsi in piedi o spostarsi.

Gli organizzatori dell'evento sportivo devono assicurarsi che tra ogni spettatore seduto, anche in caso di congiunti, conviventi o persone dello stesso nucleo familiare, ci sia una distanza minima di almeno 1 metro. Gli spettatori, dunque, devono essere distribuiti nella maniera più ampia e omogenea possibile. 

 Il numero massimo degli spettatori deve essere definito dal gestore dell’impianto in base alla capienza degli spazi disponibili, in modo che sia assicurato il distanziamento interpersonale e si eviti affollamento nelle fasi di accesso/deflusso all’impianto;

Se l'evento sportivo è al chiuso, gli spettatori devono indossare la mascherina per tutta la durata della competizione o dell'evento, mentre all'aperto è obbligatoria dall'ingresso fino al raggiungimento del posto e, comunque, ogni qualvolta ci si allontani da questo, incluso il momento del deflusso. È obbligatorio lo scaglionamento delle persone nelle fasi di accesso e di deflusso.

Gli organizzatori devono favorire l'utilizzo di tecnologie digitali automatizzando i processi organizzativi e partecipativi (es.sistema di prenotazione, pagamento biglietti, compilazione di modulistica, sistema di registrazione degli ingressi) per evitare prevedibili assembramenti e consentire comunque la registrazione degli spettatori, che deve essere in ogni caso effettuata e mantenuta dai responsabili per 14 giorni, nel rispetto della normativa sulla protezione dei dati, in modo da assicurare il tracciamento dei contatti a richiesta delle autorità competenti. 

Inoltre, devono esserci sufficienti varchi per l'accesso del pubblico all’impianto, così da evitare assembramenti nel momento del controllo della temperatura e dei biglietti d’ingresso ed è obbligatorio attivare un apposito servizio con personale dedicato all'assistenza al pubblico e a controllare che vengano rispettate tutte le norme di sicurezza. È vietato introdurre negli impianti striscioni, bandiere o altro materiale

I gestori dovranno occuparsi di redigere una relazione illustrativa analitica dell'attività svolta e delle misure adottate, da tenere a dispoizione per eventuali controlli da parte delle autorità competenti. Qualora sia previsto il superamento del limite massimo di 1.000 spettatori negli impianti all'aperto e di 700 spettatori negli impianti al chiuso, i gestori sono obbligati a redigere anche “Piano Operativo - Emergenza Covid-19”, contenente adeguati dettagli sulla scelta operata e sulle relative soluzioni tecniche e gestionali che verranno adottate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ORDINANZA RIAPERTURA IMPIANTI SPORTIVI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Schianto mortale sulla Statale 16: perde la vita una ragazza di 17 anni

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento