Attualità

Cresce la febbre da serie D: ultimi ritocchi all'Angelini, vietata la vendita di bevande in vetro o lattina

Appello al buonsenso da sindaco e assessore allo Sport, che invitano al rispetto delle regole in occasione di una partita doppiamente speciale: potrebbe regalare la promozione ed è la prima con i tifosi dopo lunghi mesi

Cresce la febbre da serie D, in vista della partita di domenica (13 giugno) Chieti-Avezzano. Un incontro doppiamente speciale: non solo perché segna il ritorno dei tifosi allo stadio Angelini dopo mesi in cui avevano potuto applaudire la squadra del cuore soltanto da casa, ma anche perché i neroverdi potrebbero conquistare la promozione. 

Il condizionale è una scaramanzia d'obbligo, anche se la serie D sembra davvero a un passo, dopo un campionato pieno di soddisfazioni. Ai ragazzi di mister Lucarelli, domenica, potrebbe bastare anche un pareggio per salire di categoria, nel caso in cui L'Aquila non dovesse vincere contro il Capistrello. Qualora gli aquilani risultassero vincitori, i neroverdi dovrebbero conquistare i tre punti per festeggiare la promozione. 

Intanto, l'amministrazione comunale ha disposto attività di manutenzione nello stadio di viale Abruzzo, con l'obiettivo di accogliere in sicurezza il ritorno del pubblico. 

“Stiamo facendo gli ultimi sopralluoghi per rendere lo stadio nuovamente fruibile e rispondente ai protocolli richiesti dalla normativa covid per gli eventi aperti al pubblico – spiegano il sindaco Diego Ferrara e l’assessore allo Sport Manuel Pantalone – Nella struttura abbiamo provveduto a fare le dovute operazioni affinché non ci sia alcun tipo di criticità per il pubblico e, di concerto con la polizia municipale, recependo anche le direttive del tavolo prefettizio dell’ordine e sicurezza pubblica, abbiamo anche predisposto delimitazioni nelle aree esterne, affinché tutto possa svolgersi nel migliore dei modi e senza disagi".

Dagli amministratori arriva anche una raccomandazione al buonsenso: "Si tratta di una partita importante - dicono - che potrebbe, come auspichiamo, portare il Chieti a una promozione a lungo attesa e conquistata grazie a un campionato giocato in modo eccellente. Dobbiamo sostenere la squadra e farlo senza esasperazioni, così come dovremo prepararci a una possibile festa, in modo che tutte le regole siano rispettate. Per tali ragioni abbiamo prodotto un’ordinanza che vieta la vendita di bevande in lattina e vetro, affinché non possano diventare pericolose per la pubblica incolumità e lo stadio e la città saranno sottoposte al continuo controllo da parte delle forze dell’ordine, perché ci siano comportamenti consoni alla situazione".

Il divieto, come da ordinanza firmata dal sindaco Ferrara, è valido per domenica 13 e domenica 20 giugno e impone che, nelle due ore precedenti e nelle due successive al fischio d'inizio, non vengano vendute bevande in recipienti di vetro, plastica o lattina, sia all'interno che all'esterno dello stadio Angelini.

"Tutti speriamo che l’agognata promozione in D arrivi - proseguono Ferrara e Pantalone - perché dia modo alla squadra di crescere e di proseguire verso altri importanti traguardi, ma non dobbiamo dimenticare i mesi e la pandemia da cui dobbiamo ancora uscire del tutto, per poter tornare a una vita normale e meno contenuta nei comportamenti, specie in pubblico. È necessario, e lo chiediamo a tutti i cittadini, tenere presente di questo e cercare di dare valore alla propria presenza accanto alla squadra, in modo responsabile e rispettando le regole, perché non è in gioco solo l’ordine pubblico, ma la sicurezza di tutti. Sarà un primo importante passo verso la rinascita e la ripresa delle attività, che speriamo di vedere presto rappresentate al massimo sul nostro territorio e all’interno di tutte le nostre strutture, dobbiamo farlo bene, uniti dalla gioia del risultato e dalla voglia di andare oltre questo anno che abbiamo vissuto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce la febbre da serie D: ultimi ritocchi all'Angelini, vietata la vendita di bevande in vetro o lattina

ChietiToday è in caricamento