Attualità

Il nuovo asilo di Chieti è pronto ma non apre, la Cgil: "Famiglie costrette a spostarsi fuori città"

Il sindacato chiede riscontri sull’apertura dell’asilo in via Burracchio

Ad oggi non abbiamo più notizie e sollecitiamo di avere riscontri, per l’apertura dell’asilo in via Burracchio, poiché in assenza di risposte adeguate, le famiglie saranno costrette a spostarsi in altri territori, ci sono liste di attesa lunghissime, con tutte le difficoltà che questo comporta. Sarebbe inaccettabile".

Duro comunicato della Fp Cgil sulla questione asili nido a Chieti. Il segretario della Fp Cgil, Giuseppe Rucci ricorda "le dichiarazioni pubbliche apparse sugli organi di stampa nel mese di luglio che, oltre alla riapertura del nido Comunale, davano indicazioni e modalità operative anche per la riapertura di altri nidi".

Rucci sottolinea infine che l’approvazione del piano pedagogico per calare il progetto educativo in un contesto moderno legato ad un servizio di qualità ed inclusivo sono aspetti importanti. Tantè che anche l’imminente ( a quel tempo) uscita dell’avviso per la concessione degli asili a privati con l’obbligo per gli stessi di rispettare il piano pedagogico e le tariffe legate all’Isee, erano elementi basilari e fondamentali. Fermo restando la nostra impostazione di vedere comunque per il futuro gli asili tornare ad essere pubblici. Auspichiamo - conclude Rucci -  che la discontinuità rispetto al recente passato debba e possa considerare questo servizio non come un peso finanziario oneroso ma come un investimento sul futuro del servizio"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo asilo di Chieti è pronto ma non apre, la Cgil: "Famiglie costrette a spostarsi fuori città"

ChietiToday è in caricamento