rotate-mobile
Attualità

Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

Per due giorni consecutivi i nuovi casi positivi sono inferiori a 60, ma il governatore intima: "Non è il momento di mollare con le misure di contenimento"

"I dati dei nuovi contagi degli ultimi due giorni mostrano uno spiraglio di speranza". È il commento del presidente della Regione, Marco Marsilio, nel leggere i dati del bollettino di oggi, con 56 nuovi casi di persone positive al Coronavirus, e di ieri, quando i contagiati erano stati 52.

"Da quasi quindici giorni - aggiunge il governatore - non si registravano due giorni consecutivi sotto i 60 casi. Anche il dato complessivo al 31 marzo (1.401) rispetto alle previsioni del modello matematico è incoraggiante. Gli analisti, infatti, avevano ipotizzato uno scenario che al 31 marzo prevedeva una curva mediana (tra un minimo di 1.200 e un massimo di 1.900) di 1500 contagi. Aver fatto ‘il giro di boa’ un po' al di sotto della curva mediana potrebbe indicare una capacità di tenere sotto controllo l'andamento epidemiologico e l'inizio di una possibile inversione di tendenza. Le misure stringenti di contenimento sembrano quindi dare i primi risultati. Anche per questa ragione ho dato il parere positivo della Regione Abruzzo, in Conferenza delle Regioni, alla proroga di tali misure: non è questo il momento di mollare". 

"Se i prossimi giorni confermeranno una minore pressione sugli ospedali da parte di pazienti sintomatici - aggiunge Marsilio - sarà più facile orientare gli sforzi per fare tamponi su categorie a rischio e pazienti in quarantena in sorveglianza sanitaria”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

ChietiToday è in caricamento