menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le nuove tecnologie per scoprire le meraviglie dell'acquedotto romano dell'antica Histonium

Gli archeospeleologi non possono raggiungere alcuni tratti per le interruzioni causate da crolli o sbarramenti moderni di difficile rimozione

Le nuove tecnologie per indagare i tratti sconosciuti dell’acquedotto romano di Histonium, a Vasto. Così, Italia Nostra trascorrerà l'intera giornata di sabato (12 settembre), all’esplorazione, tramite videoispezioni, dei tratti dell’Acquedotto delle Luci che gli archeospeleologi non sono stati in grado di raggiungere fisicamente, a causa di interruzioni causate da crolli o sbarramenti moderni di difficile rimozione.

L’Acquedotto delle Luci fu costruito tra il I ed il II secolo d.C. a servizio della città romana di Histonium, la moderna Vasto. Questa importante opera idraulica ha alimentato fino al 1926 la città moderna ed è stata poi progressivamente abbandonata. Un dato piuttosto inquietante  è l’assenza di una conoscenza, seppur approssimativa, di dove vada a finire l’acqua ancora trasportata dall’Acquedotto delle Luci.

Da oltre 10 anni, la sezione di Italia Nostra del Vastese, con la collaborazione della Parsifal società cooperativa, specializzata in ricerche archeologiche, cerca di ricostruire l'esatto percorso di questa mirabile opera dell'ingegno umano e ne promuove il restauro e la valorizzazione con l’organizzazione di conferenze, visite guidate e mostre, l’ultima delle quali nel periodo di Ferragosto, nella sala Mattioli di Vasto.

Per completare l'indagine archeologica, sinora svolta del tutto gratuitamente dai componenti del gruppo di lavoro creato ad hoc,  mancano alcuni tratti, tra i quali assume particolare rilievo quello in cui è presente un muro che impedisce l'ingresso al personale specializzato, rendendo di fatto impossibile vedere dove si scarica l'acqua ancora presente.

Italia Nostra, dopo una specifica ricerca di mercato, si è rivolta alla società Dantec di Giussano (Monza e Brianza), che commercializza attrezzature per videoispezioni e per attività di relining. La Dantec metterà a disposizione, gratuitamente, una telecamera periscopica di ultimissima generazione con testa motorizzata, con la quale, sabato prossimo si cercherà di continuare l’esplorazione dell’acquedotto romano.

"Questa attività - commenta Davide Aquilano, presidente della sezione vastese di Italia Nostra - sarà sicuramente un importante passo in avanti verso l'utilizzo costante delle tecnologie di videoispezione anche nella ricerca archeologica".

foto 02-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento