rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Attualità

"Trasferire la direzione generale Asl per valorizzare la Neuropsichiatria infantile": la proposta delle associazioni

Il timore dopo l'idea avanzata dall'azienda sanitaria di trasferire ad Atessa i servizi ospitati attualmente nell'ex pediatrico in una lettera al direttore Schael e al sindaco Ferrara

L'ipotesi che i servizi sanitari attualmente ospitati nell'ex pediatrico di Chieti vengano spostati ad Atessa sta destando non poche preoccupazioni in città. Non solo per l'ennesimo trasferimento dal capoluogo di provincia, ma anche perché il timore concreto è che questo possa inficiare sui servizi rivolti a categorie fragili. 

Per questo, gli esponenti dell'associazione La Gente d'Abruzzo-Theate Magnum e del Comitato civico di Salute pubblica di Chieti, Federico Gallucci e Walter Palumbo, hanno inviato una lettera aperta al direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, e al sindaco del capoluogo teatino. 

Per Gallucci e Palumbo, la volontà di trasferire i servizi ad Atessa, "ci lascia seriamente preoccupati e non può non essere da noi tutti riguardata con fondato sospetto e timore, laddove, nonostante la Asl abbia nella sua disponibilità molteplici immobili, lo spostamento avverrebbe proprio in Atessa, all’interno del presidio ove è già allocato l’attuale distretto della Neuropsichiatria, distretto allo stato ritenuto dalle nostre associazioni già insufficiente ed inadeguato - negli spazi e nel personale specialistico - a soddisfare la domanda di servizi di assistenza avanzata dalle centinaia di famiglie interessate dalla problematica dei disagi comportamentali infantili". 

I due scriventi avanzano una proposta alternativa, trasferire cioè da via dei Vestini "l'attuale direzione generale in altro distretto di Chieti, per esempio quello di viale Amendola, nei pressi della sede del comune e del comando della polizia municipale, così da creare una sorta di 'cittadella dei servizi' di facilissima fruibilità per i cittadini, destinando l’attuale palazzina della direzione generale moderna, a norma di legge, ospitale, con centinaia di posti macchina disponibili, situata a poca distanza dal raccordo autostradale, ad accogliere sia i servizi ora nell’ex pediatrico e sia un modernissimo ed efficientissimo distretto di eccellenza per la Neuropsichiatria infantile". 

Gallucci e Palumbo si rivolgono ancora al direttore Schael chiedendo di "sapere se le scelte, improvvise, di trasferimenti di uffici e servizi della Asl cittadina, siano preventivamente concordate, come corretteza istituzionale imporrebbe, anche con il nostro sindaco". E al primo cittadino invocano di farsi "promotore della istituzione, immediata, di un tavolo di confronto all’interno del quale decidere, di comune accordo, delocalizzazioni ed installazioni di servizi sanitari dei quali fruiscono tutti i cittadini di Chieti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Trasferire la direzione generale Asl per valorizzare la Neuropsichiatria infantile": la proposta delle associazioni

ChietiToday è in caricamento