rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità Montelapiano

Montelapiano, "Ok aiuti per la spesa ma il paese non rinasce"

Il sindaco Arturo Scopino parla del vero dramma del paese dove sono rimasti solo 53 residenti, gli emigrati non torneranno quest'estate e non si prevedono aiuti: "Riprendiamo la vita contadina"

Ripartire da quello che hai: la terra. Ne è convinto il sindaco di Montelapiano Arturo Scopino che commenta la ripartizione dei fondi assegnti dal Governo ai Comuni per la solidarietà alimentare.

"Il dramma non sono i 680 euro che arriveranno con l'ordinanza alimentare, quelli li darò a quelle persone, con figli, che lavoravano in nero, magari per qualche settimana faranno la spesa. Il dramma sarà che le 53 persone che vivono a Montelapiano resteranno sole e isolate anche questa estate" spiega il sindaco del paese all'Ansa ricordando che dei mille abitanti degli anni '50 la maggior parte è emigrata a Ottawa.

"Sarebbero ritornati a centinaia come sempre da maggio ad agosto. Ora non torneranno e il paese non rinascerà". A Montelapiano l'età media è altissima, "ci sono poi 6 o 7 'giovani' che lavorano alla Sevel di Atessa, nessun negozio, zero cultura informatica".

Il sindaco non ha dubbi: "Questo sarà il momento del ritorno a coltivare orti e animali. Ad una certa autosufficienza, ad una riflessione sui modelli della nostra vita, piccole cose con le quali ci si difende meglio dal mondo esterno. Gli emigrati non tornano, inventiamoci altri lavori - propone -  riprendiamo la vita contadina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montelapiano, "Ok aiuti per la spesa ma il paese non rinasce"

ChietiToday è in caricamento