rotate-mobile
Lunedì, 2 Ottobre 2023
Attualità Lanciano

Il ministro Lollobrigida visita lo spazio Coldiretti alla fiera di Lanciano alla scoperta delle eccellenze abruzzesi

L'associazione di categoria occuperà per tre giorni uno spazio di 100 metri quadrati nel padiglione 3 in cui, oltre all’area di vendita diretta con i produttori agricoli protagonisti della filiera corta, è stato previsto uno spazio istituzionale

Un ospite d’accezione, questa mattina, in Casa Coldiretti, lo spazio con cui l’organizzazione leader degli agricoltori partecipa quest’anno, con un look rinnovato, alla 61esima edizione della fiera di Lanciano inaugurata questa mattina (venerdì 14 aprile), in località Iconicella.

Coldiretti occuperà per tre giorni uno spazio di 100 metri quadrati nel padiglione 3 in cui, oltre all’area di vendita diretta con i produttori agricoli protagonisti della filiera corta, è stato previsto uno spazio istituzionale in cui, attraverso un racconto “digitale”, verranno promosse le principali tematiche per la tutela del vero made in Italy agroalimentare con particolare riferimento alla petizione per la rapida trasformazione del disegno di legge recentemente approvato contro il cibo sintetico.

E in tal senso, il primo a far visita allo stand è stato proprio il ministro Francesco Lollobrigida con il sottosegretario alle Politiche agricole Luigi D’Eramo e l’assessore regionale Emanuele Imprudente che hanno visitato, accolti dai presidenti di Coldiretti Abruzzo Silvano Di Primio e di Coldiretti Chieti Pier Carmine Tilli nonché dai direttori  Roberto Rampazzo (Abruzzo) e Francesco Perillo (Chieti), lo spazio Coldiretti per visitare produttori e scoprire le eccellenze abruzzesi tra cui il salsicciotto frentano e il Montepulciano d’Abruzzo che sono stati esposti simbolicamente per l’occasione.

“Produzioni tipiche di questo territorio – dice Coldiretti Abruzzo – che dobbiamo tutelare e valorizzare come tutte le eccellenze agroalimentari abruzzesi e made in Italy evitando il pericolo di un cibo prodotto in laboratorio che contrasta la tradizione alimentare, penalizza l’economia territoriale e mette a rischio la salute dei cittadini”.

Oggi pomeriggio, nella sala conferenze dello stesso padiglione, si è tenuto il convegno “La nuova Pac: chi ci guadagna e chi ci rimette?” in cui è stata illustrata la riforma della politica agricola comunitaria e i suoi riflessi sull’Abruzzo. Dopo i saluti del sindaco di Lanciano Filippo Paolini e del presidente di LancianoFiera Donato Di Campli, si sono susseguiti gli interventi del direttore regionale di Coldiretti Roberto Rampazzo e le relazioni tecniche di Luca Palazzoni (università di Perugia) sul piano strategico nazionale; Luca Di Giandomenico (responsabile misure strutturali di Coldiretti Abruzzo) sul Piano di sviluppo regionale abruzzese; Agostino Sacchetti (ufficio tutela biodiversità della Regione Abruzzo); Stefano Leporati (segretario nazionale di Coldiretti Giovani Imprea) sulle politiche nazionali per i giovani agricoltori; Renato Bertocci (coldiretti) sull’app Demetra; Jacopo Centofanti, imprenditore agricolo, con una testimonianza sulla sua realtà aziendale e l’utilizzo di un nuovo software per le aziende socie. Ha moderato Giuseppe Scorrano, delegato regionale di Coldiretti Giovani Impresa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ministro Lollobrigida visita lo spazio Coldiretti alla fiera di Lanciano alla scoperta delle eccellenze abruzzesi

ChietiToday è in caricamento