menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Ministero della salute premia il lavoro della Clinica Neurologica della "d'Annunzio"

Finanziamenti per oltre due milioni di euro per la ricerca scientifica nel campo delle demenze,

La professoressa Laura Bonanni della Clinica Neurologica di Chieti, diretta dal professor Marco Onofrj, ha ottenuto, per la quarta volta, il finanziamento di un progetto nazionale tra quelli in competizione al Ministero della Salute. Il progetto è finalizzato alla ricerca scientifica nel campo delle demenze, in particolare della Demenza a corpi di Lewy (DLB). Per la rilevanza dei risultati ottenuti negli studi sulla DLB, la proferssoressa Bonanni ha già ricevutoimportanti riconoscimenti scientifici e la designazione come leader italiano nell’ambito di numerosi progetti diricerca internazionali sulle demenze.

Da anni impegnata in prima linea nello studio delle malattie neurologiche che includono le demenze, il parkinson, l’epilessia, la sclerosi multipla, da anni la Clinica ha ricevuto dal Ministero della Salute, dal Ministero dell’Università e Ricerca e da Enti internazionali importanti finanziamenti sulla demenza, per un totale di oltre due milioni di euro. Altri finanziamenti per il Parkinson e la Sclerosi Multipla hanno superato il milione di euro. A sua volta la sezione della Neurologia dedicata alla ricerca sperimentale sui modelli della Demenza, diretta dal prof. Stefano Sensi, ha ottenuto finanziamenti per oltre un milione di euro.

La Clinica Neurologica ha ottenuto l’unico finanziamento della Regione Abruzzo nell’ambito dei progetti finalizzati del Ministero della Salute, confermandosi punto di eccellenza
in un ambito clinico e sanitario che, paradossalmente, riceve maggiori attenzioni a livello nazionale ed internazionale che a livello locale.

"Le demenze - spiega il professor Marco Onofrj - rappresentano un gruppo eterogeneo di malattie che hanno in comune una caratteristica importante: l’enorme impatto sociale nei paesi ad economia avanzata. Tra le demenze la più nota è sicuramente la malattia di Alzheimer, che però è identificabile in un 50% circa di pazienti, mentre nel 25% la demenza ha aspetti clinici diversi ed è definita Demenza a Corpi di Lewy; in un altro 25% la demenza ha cause ancora diverse. I pazienti affetti da demenza a corpi di Lewy non presentano
soltanto un declino cognitivo con deficit di memoria (come nell’Alzheimer), ma sviluppano anche disordini comportamentali complessi, con allucinazioni precoci, deliri, disturbi del sonno con attività complesse durante i sogni che spaventano i familiari. In più, spesso presentano sintomi che gli osservatori inesperti attribuiscono alla coincidenza di più malattie. La terapia è complessa perché i pazienti sono ipersensibili ai tranquillanti maggiori e possono presentare effetti collaterali gravi. Nel corso degli anni passati la Clinica Neurologica ha
prodotto una serie straordinaria di pubblicazioni scientifiche di alto livello sull’inquadramento dei sintomi comportamentali delle demenze, sul meccanismo delle terapie e sulle metodiche diagnostiche ed ha sviluppato una metodica di analisi del segnale elettroencefalografico che permette di diagnosticare la malattia fin dagli esordi. Questa metodica - conclude il direttore della Clinica Neurologica - è attualmente applicata nei maggiori centri europei,americani e giapponesi. Questi risultati hanno reso l’Ateneo di Chieti un punto di riferimento nazionale e internazionale nel campo delle demenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento