Il Ministero approva la rete ospedaliera Covid-19: alla Asl di Chieti 5 milioni e mezzo di euro

Per l’Abruzzo sono a disposizione circa 29 milioni di euro di fondi statali

 Il Ministero della salute ha approvato il piano di riorganizzazione e potenziamento della rete ospedaliera regionale per l’emergenza Covid-19, deliberato dalla giunta regionale lo scorso 15 giugno. Lo comunica l’assessore regionale alla Salute.

Le somme saranno destinate sia alle terapie intensive che a quelle semi intensive. Alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti verranno assegnati fondi per circa 5 milioni e mezzo di euro per la realizzazione di 18 posti di terapia intensiva e 26 di semi-intensiva al policlinico di Chieti; alla Asl di Teramo circa 4 milioni e mezzo di euro per 14 posti di intensiva e 21 di semi-intensiva nell’ala dell’ex sanatorio dell’ospedale di Teramo, oltre ad altri 2 posti di intensiva all’interno dell’ospedale Mazzini; circa 5 milioni di euro andranno alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, per 8 posti di intensiva e 15 di semi-intensiva al San Salvatore dell’Aquila, e per 8 posti di intensiva e 6 di semi-intensiva all’ospedale di Avezzano; 2 milioni di euro, infine, per la Asl di Pescara per 16 posti di intensiva e 24 di semi-intensiva al Covid hospital.

Per l’Abruzzo sono a disposizione circa 29 milioni di euro di fondi statali, che permetteranno di potenziare strutturalmente l’assistenza sanitaria con l’obiettivo di fronteggiare un’eventuale recrudescenza della pandemia.

A questi importi vanno aggiunti quelli già assegnati per gli interventi di riqualificazione e potenziamento dei pronto soccorso dei presidi ospedalieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento