Migranti positivi, Di Primio ai sindaci: "Governo confonde la giusta solidarietà con il diritto alla salute degli italiani"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del sindaco di Chieti, in qualità di vicepresidente dell'Anci,  ai colleghi  di L’Aquila, Gissi, Moscufo, Civitella del Tronto, Canistro e Civita D’Antino

Carissimi, 
come collega, come vice presidente dell'Anci e soprattutto come cittadino abruzzese, voglio esprimere solidarietà a Voi e alle Vostre comunità, per la difficile situazione che state vivendo e della quale Vi dovete fare oltremodo carico quale sindaci.

Cinque anni fa, mi trovai a dover gestire i primi invii da parte del Governo nazionale di migranti sul territorio senza che i sindaci ne sapessero nulla. Una azione eclatante, allora, mi consentl di evitare che fossero sistemati presso la struttura del San Giovanni Battista, storica residenza per anziani posta al centro della citta e attaccata ad una scuola elementare. Riuscii con un sereno ma serrato confronto con la Prefettura e gli allora vertici dell'ASP, a evitare che i migranti fossero ospitati in detta struttura. Questo non voile e non vuol dire scaricarsi della parte di solidarieta che tutti dobbiamo offrire per far fronte ad un problema globale come le migrazioni degli ultimi anni dai paesi piu poveri. La solidarieta verso chi viene non implica, pert), la compression o compromissione dei diritti dei nostri cittadini.

Motivi di ordine pubblico, in primis, sconsigliarono di ospitare i migranti di allora al San Giovanni Battista, per inciso andarono presso strutture non pubbliche sempre a Chieti; motivi di incolumita della popolazione, legati all'emergenza sanitaria ancora viva, richiedono che prima di inviare migranti sul territorio, nei nostri comuni, nelle strutture allestite per ospitarli, ci sia garanzia, oggi, che questi non siano positivi al coronavirus, per la salute degli altri ospiti, per la salute dei nostri, in questo caso, i vostri cittadini.

Trovo irresponsabile e vergognoso, lo dico a Voi che come me avete dovuto gestire, da soli, it lungo periodo di chiusura del Paese ed oggi dovete gestire gli effetti negativi anche economico-sociali, che it Governo continui a scaricare sui sindaci e le comunita locali con superficiality una ideologizzata gestione dei flussi di migranti. Se prima questo poteva essere motivo di tensione per la popolazione residente, oggi è giustamente motivo di apprensione perchè in gioco non c'è l'equilibrio sociale, ma la salute e la vita dei nostri cittadini.

Pare una farsa, a una farsa sentire il presidente Conte predicare attenzione perche il virus non è ancora sparito e poi subire dal Governo l'invio di migranti positivi al Covid. Faccio mie, a tutela delle vostre e delle nostre popolazioni, le parole del presidente Mattarella che richiamando tutti perche si abbia una condotta responsabile, ha detto "libertà non vuol dire diritto a far ammalare gli altri". Il presidente della Repubblica ha anche aggiunto che "Non vi sono valori che si collochino al centro della clemocrazia come la libertà. Naturalmente occorre tener conto anche del dovere di equilibrio con it valore della vita, evitando di confondere la liberal con it diritto far ammalare altri... imparare a convivere con iI virus finchè non vi sarà un vaccino risolutivo non vuol dire comportarsi come se it virus fosse scomparso". Se questo e il giusto richiamo che il Capo dello Stato ha fatto agli italiani, ritengo che il Governo per primo dovrebbe osservarlo non confondendo la giusta solidarietà, con il diritto alla salute ed integrità fisica degli italiani.

Con la correttezza ed it rispetto istituzionale di cui sono capaci i sindaci, ma anche con la fermezza che li contraddistingue, la stessa alla quale ogni giorno devono far ricorso per affrontare i problemi dei cittadini, ritengo che sulfa vicenda dei migranti inviati sui territori sia necessario rnettere un punto fermo che non pub che essere la richiesta al Governo nazionale di tutelare, in primis, la salute degli italiani.
Si regolino finalmente i flussi, si interceda con i Paesi dai quali parte il "traffico di esseri umani", si organizzino strutture dove destinare coloro che arrivano in Italia e risultano positivi e dove trattenere coloro che hanno avuto con questi "contatti stretti". Se questo vale per noi, deve valere per chiunque arrivi sul territorio nazionale, anche e soprattutto, se da migrante.

Spero per i nostri comuni, per i nostri cittadini, che il Governo riveda la gestione dei migranti e non vanifichi ii sacrificio richiesto agli italiani e che gli italiani hanno fatto, non umili quanti a causa del lockdown devono fare i conti con una asfissiante crisi economica, non mortifichi noi sindaci, ed in particolarmente quelli esposti come Voi, che a mani nude, senza risorse economiche, senza personale, combattono ogni giorno per mandare avanti il Paese dando risposte ai cittadini e gestendo situazioni di crisi quali quelle create dall'invio dei migranti positivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ritenetemi a Vostra disposizione per quel che posso. Un forte abbraccio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • DIRETTA - Elezioni comunali 2020: ballottaggio Di Stefano-Ferrara

  • Comunali Chieti: exit poll e prime proiezioni

  • Chieti sceglie il nuovo sindaco: ha votato il 67,87%, più del 2015 - LA DIRETTA

  • Torrevecchia in lutto per la scomparsa di Erica: aveva solo 26 anni

  • Il Comune di Atessa assume 5 impiegati a tempo indeterminato: bando e scadenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento