menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Miglianico quasi tremila mascherine gratis per i cittadini

A realizzarle artigiani e cittadine: una gara di solidarietà che ora la Protezione Civile porterà a compimento

Quasi tremila mascherine per i cittadini di Miglianico realizzate gratuitamente da artigiani locali e concittadine generose.

Una sinergia straordinaria tra alcune delle migliori forze della cittadina ha permesso una gara di solidarietà che ora la Protezione Civile porterà a compimento.

Hanno assemblato 160 metri di tessuto, 840 metri di elastico per un filato totale di 8,5 km: è questo il lavoro fatto in casa da artigiani e donne di Miglianico per garantire alla popolazione circa 2800 mascherine pronte all'uso e ad essere distribuite gratuitamente ai cittadini per il tramite della Protezione Civile del Comune.

Melita Tropea ed Enio Rosa, titolari di una bottega artigiana di filatura in paese, hanno coordinato la realizzazione delle mascherine: la fornitura del tessuto da parte di Michele Marcellan, il taglio eseguito da C.A.T.T. nella persona di Dario Di Rienzo, il posizionamento degli elastici e la cucitura definitiva della mascherina effettuate direttamente nella propria abitazione dalle “uncinettine” Amelia Paolini, Anna Berardocco, Anna Maria Petrongolo, Donatella Sallustio, Emilia Marini, Ester Pronio, Felicetta Cipollone, Ivana Catena, Lidia Palladinetti, Lilia Altobelli, Loredana Papponetti, Maria Marini, Patrizia Candeloro, Olivia Sarra. 100 mascherine sono state inoltre confezionate e donate da Francesca Di Mascio, sarta.IMG_3227-2

Finita la fase della realizzazione restavano il lavaggio e la sterilizzazione, che sono stati effettuati da Fabiola De Lutiis, nella lavanderia di cui è titolare al centro del paese. Tutto è stato fatto gratuitamente, con passione ed amore per la propria comunità. Le mascherine in questo fine settimana saranno imbustate una ad una e saranno pronte ad essere consegnate dalla Protezione Civile direttamente a casa delle persone che ne faranno richiesta.

“Anche se le mascherine così realizzate non sono classificabili come dispositivo di protezione individuale - ha spiegato il sindaco, Fabio Adezio - esse saranno utili a ridurre il rischio del contagio, ponendo un ostacolo maggiore al coronavirus nella sua diffusione, se utilizzate da tutti nelle poche occasioni in cui è indispensabile uscire di casa. Ricordo a tutti che la migliore prevenzione è rimanere in casa e seguire tutte le disposizioni normative”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento