menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Menù di Natale: vincono i piatti regionali, spesi in media 140 euro a famiglia

Trionfo delle tradizioni, 8 persone su 10 trascorreranno il Natale a casa

Con l'arrivo del Natale, torna la tradizione in tavola. Messe da parte le mode esotiche in cucina e ridotti i viaggi, vincono anche quest'anno i banchetti casalinghi con prodotti legati al territorio. Oltre 8 italiani su 10, infatti, hanno deciso di trascorrere le feste tra le mura domestiche con parenti e amici, preferendo portate locali nel 70% dei casi. Lo segnala Cia-Agricoltori Italiani.

Anche se le tredicesime restano impegnate soprattutto su scadenze fiscali e risparmio, non si rinuncia alle classiche tavolate natalizie, per le quali si spenderanno in totale 2,8 miliardi di euro,in media 140 euro a famiglia. Si afferma però la tendenza degli italiani ad una maggiore attenzione agli sprechi alimentari. Cia stimaun 5% in più di cibo acquistato che potrebbe finire nella pattumiera durante le feste, per un valore complessivo di 140 milioni.

Quanto ai menù, vincono i piatti tradizionali e regionali: ragù, bollito, tortellini in brodo, torte rustiche e dolci artigianali. E per il cenone della Vigilia, che vede al centro il pesce (che registra proprio in questi giorni il consumo più elevato dell'anno), le famiglie hanno comprato soprattutto alici, baccalà, orate, spigole, trote e capitone invece del costoso caviale d'importazione. E poi anche stavolta spumante e prosecco trionfano con il 92% dei brindisi tricolori e una netta prevalenza nei gusti di quello dolce.

"Accanto ai menù classici, è importante anche quest'anno acquistare cibi e vini del Centro Italia - sottolinea la Cia, ricordando le otto strenne di Natale pronte online su Ufoody de 'I Prodotti dell'Appennino'. Ovvero tutte le esclusive eccellenze delle aziende agricole di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria a cui è dedicato il progetto di Cia-Agricoltori Italiani con la collaborazione di JPMorganChase Foundation, per supportarne la ripresa economica dopo il sisma, attraverso la vendita dei prodotti sul web".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento