Mascherine lavabili a prezzi scontati: per i lettori di ChietiToday un’imperdibile offerta

In molti, per proteggere le vie respiratorie, preferiscono acquistare le mascherine lavabili e riutilizzabili, meglio se in offerta e a prezzi scontati

In queste settimane di emergenza Coronavirus anche noi teatini abbiamo dovuto fare i conti con la ricerca delle mascherine e la selezione tra i vari modelli e i prezzi, sempre più esorbitanti.

Il dispositivo sanitario, ormai richiesto nella stragrande maggioranza dei più grandi negozi per fare la spesa e non solo, pesa sulle casse delle persone. Per questo motivo in molti, per proteggere le vie respiratorie, preferiscono acquistare le mascherine lavabili e riutilizzabili, meglio se in offerta e a prezzi scontati.

Mascherine riutilizzabili lavabili scontate del 15%: dove acquistarle

Quando usare la mascherina

La mascherina va utilizzata tendenzialmente per proteggere gli altri e se stessi da un possibile contagio. Di certo è obbligatoria per tutti gli operatori sanitari e per coloro che lavorano durante la pandemia. È necessario usarla anche in casa se si assiste un soggetto a rischio.

La mascherina quindi è un dispositivo utile per evitare, o comunque contenere, una qualsivoglia forma di contagio. Nient’altro che una protezione in più.

Tipologie di mascherina

Quale mascherina scegliere? Ne esistono molte e si differenziano per grado di protezione:

  • Mascherine semplici, a uso igienico: questo dispositivo viene utilizzato in alcuni contesti aziendali o industriali. È un prodotto generico, non previsto per l’utilizzo sanitario e che quindi non deve rispettare le norme disposte per le altre tipologie (le mascherine chirurgiche e i filtranti facciali).
  • Mascherine chirurgiche, per uso medico: sono composte da tre strati di tessuto-non-tessuto plissettato che si indossano sul volto grazie a elastici o lacci. Questo tipo di dispositivo deve rispettare determinati requisiti tecnici e passare alcuni test specifici per verificare se la mascherina blocca le goccioline contaminate da batteri.
  • Maschere filtranti, dette anche filtranti facciali per la protezione individuale (da cui FFP). Sono mascherine in grado di bloccare il passaggio di particelle di dimensioni estremamente piccole, evitando totalmente eventuali aerosol infetti da virus, ma anche fumi pericolosi. Queste FFP sono i veri e propri dispositivi di protezione individuale e infatti devono rispettare una normativa rigorosa. La loro efficacia filtrante viene indicata con sigle FF da P1 a P3 a seconda della capacità crescente di protezione. In ambito sanitario vengono usate le FFP2 e 3, che hanno un’efficacia filtrante rispettivamente del 94% e del 99% e sono le più indicate per bloccare i virus. Se sono monouso, queste maschere vanno gettate dopo un turno di utilizzo o dopo un determinato numero di ore.

Ricordiamo che oltre alla mascherina è sempre importante seguire le altre norme igieniche: lavare spesso le mani, starnutire e tossire nell’incavo del gomito e utilizzare solamente fazzoletti monouso per soffiarsi il naso.

Dove acquistare mascherine in tessuto R-PET riutilizzabili scontate fino al 15%

Per i lettori di ChietiToday è possibile acquistare on-line le mascherine in tessuto R-PET (Pet riciclato o Pet polimero) lavabili e riutilizzabili con uno sconto fino al 15%. La spedizione è gratuita in tutta Italia.

Come togliere la mascherina

Per evitare il contagio è importante anche togliere la mascherina nel modo giusto. Bisogna maneggiarla solo dagli elastici e mai toccare la parte anteriore, perché sul filtro potrebbe essere presente il virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta rimossa, mai metterla sul tavolo della cucina o su altre superfici. In questo caso è meglio individuare una "zona filtro" all'ingresso della casa o, se vi è la possibilità, una parte all'esterno e lasciare il dispositivo almeno 24 ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento