Manca l'acqua nella diga di Chiauci: agricoltura a rischio e la Cia accusa il consorzio di Bonifica sud

A risentire maggiormente dell'asenza di acqua sono soprattutto le campagne, dove le colture invernali sono nelle prime fasi di crescita

Immagine di repertorio

Cresce la preoccupazione della Cia Chieti-Pescara per la carenza d'acqua nella diga di Chiauci e ora l'associazione accusa il Consorzio di bonifica sud di "cattiva gestione". 

In un'estate dalle alte temperature e con poca pioggia, oltre alle interruzioni idriche patite dai cittadini, a risentire maggiormente dell'asenza di acqua sono soprattutto le campagne, dove le colture invernali sono nelle prime fasi di crescita.

Per la Cia Chieti-Pescara è "necessario un approfondito e ragionato approccio sulla gestione della risorsa idrica".

“L’arrivo della pioggia è vitale per l’agricoltura - afferma il presidente provinciale Nicola Sichetti - Il consorzio avrebbe dovuto fare una previsione più oculata e chiedere al ministero l’ampliamento fino a 7 milioni di metri cubi rispetto ai 4 a disposizione. La presenza di stagioni siccitose non deve più essere considerata un evento eccezionale mettendo a rischio la produzione agricola”, continua Sichetti,

“Il rischio poteva essere evitato, non è stato adottato un piano di turnazione dell’erogazione idrica né chiesto di raddoppiare la capienza dell’invaso nonostante gli investimenti finanziati dal masterplan Abruzzo”.

È stato, infatti, portato a termine e collaudato il revamping delle paratoie dello scarico di fondo della diga e conclusi gli interventi sull’ammasso roccioso e sulla strada circumlacuale.

“I cinque pozzi a disposizione del consorzio saranno sufficienti a sopperire l’emergenza idrica?”, chiede il presidente Sichetti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le colture frutticole - incalza - hanno bisogno di acqua costante ed è difficile, in queste condizioni, programmare l’irrigazione delle colture invernali. Il tempo stringe, siamo in attesa di decisioni ed input per la distribuzione dell’acqua a fini irrigui per il prossimo mese di settembre. Quello che ci anima è dare certezze alle imprese agricole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Incidente sull'asse attrezzato: maxi scontro e un'auto si ribalta e va a fuoco

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento