menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Agricoltori in ginocchio perché manca l'acqua, la Cia torna a denunciare: "Non siamo più disposti a tollerare"

L'associazione chiede un incontro urgente ai commissari dei consorzi sud e centro, Michele Modesti e Paolo Costanzi, per evitare che le difficoltà si ripetano nei prossimi anni

"Manca l’acqua nei consorzi di bonifica sud e centro, a pagare sono gli agricoltori". È l'ennesima denuncia che arriva dalla Cia Chieti-Pescara e ora l'associazione degli agricoltori alza il tiro: "Non siamo più disposti a tollerare”.

Il presiente Nicola Sichetti spiega le difficoltà delle imprese agricole in queste settimane di siccità: “L’emergenza idrica delle ultime settimane - dice - ha messo a dura prova le imprese agricole, le quali non hanno potuto disporre di un adeguato approvvigionamento di acqua per le colture”.

“Sicuramente - prosegue - la scarsità di precipitazioni di quest’anno ha inciso molto su questa grave e preoccupante situazione, ma l’azione di prevenzione del consorzio, a nostro avviso, poteva essere più incisiva nonostante vari incontri, solleciti e avvertimenti ad adottare misure preventive efficaci”.

Dopo la diga di Chiauci la preoccupazione sale anche per la diga di Penne: “Un maggiore accumulo di risorse idriche, l’adozione di un piano di turnazione, il ripristino delle pompe di sollevamento e una campagna di sensibilizzazione degli utenti a un utilizzo oculato dell’acqua, avrebbero potuto contenere l’emergenza”, incalza il presidente della Cia Chieti-Pescara.

“Ora - conclude - la necessità è evitare che una situazione emergenziale simile si verifichi anche nei prossimi anni. Per questo motivo, vista l’importanza fondamentale della risorsa idrica per il nostro settore e considerando che il contributo da parte degli agricoltori a sostenerne i costi è molto alto, chiediamo ai commissari dei consorzi sud e centro, Michele Modesti e Paolo Costanzi, un incontro urgente per fare il punto della situazione sugli investimenti in essere e sul nuovo piano di classifica per il riparto della contribuenza consortile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento