rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità Pretoro

Salvato un lupetto vittima di un incidente stradale: la riabilitazione nell’area faunistica di Pretoro

Dopo le cure, gli esperti del Parco nazionale della Maiella lo hanno reimmesso in natura: l'animale aveva subito due fratture scomposte, su entrambe le tibie e le sue condizioni cliniche generali erano alquanto preoccupanti.

È stato ospitato anche nell'area faunistica di Pretoro il lupo recentemente reimmesso in natura dopo le cure a seguito di un incidente stradale dal Parco nazionale della Maiella. È lo stesso parco a raccontare questa storia di successo nella tutela e nella ricerca per il lupo.

Lo scorso 22 settembre, i carabinieri forestali hanno segnalato la presenza di un piccolo di lupo, immobile, a bordo di una strada statale ai confini del Parco. Si trattava di un maschio dell’anno, allora di 4 mesi, che lo staff medico veterinario del Wildlife Research Center ha prontamente recuperato e ricoverato nella clinica veterinaria del Parco: il lupetto aveva due fratture scomposte, su entrambe le tibie, causate da incidente stradale. Inoltre, le condizioni cliniche generali dell’animale in ingresso erano alquanto preoccupanti.

Dopo alcune settimane di terapia conservativa, in box, il cucciolo è riuscito a rimettersi in piedi e a recuperare forze. I controlli radiografici e di laboratorio hanno incoraggiato a rilasciarlo in un recinto di riabilitazione dell’area faunistica di Pretoro, nel quale ha potuto avere relazioni con altri lupi ed essere alimentato senza abituarsi alla presenza dell’uomo.

Ieri finalmente il lupetto è tornato nel suo territorio di origine, sul Monte Morrone, in uno dei branchi che da anni viene seguito dai biologi del Parco con costanti attività di monitoraggio. È dotato ora di un piccolo e innovativo collare Gps, che terrà aggiornati gli esperti sui suoi spostamenti e permetterà anche di verificare se ha raggiunto la sua famiglia.

Le attività di recupero e riabilitazione condotte dal Wildlife Research Center del Parco sono necessarie alla salvaguardia del benessere degli animali selvatici che subiscono in vari modi impatti con le attività dell’uomo, ma sono oltremodo utili alla comprensione delle dinamiche ecologiche che descrivono la vita, in questo caso, dei lupi del Parco, e ne indicano le migliori pratiche per la coesistenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvato un lupetto vittima di un incidente stradale: la riabilitazione nell’area faunistica di Pretoro

ChietiToday è in caricamento