Martedì, 23 Luglio 2024
Attualità Tornareccio

London Honey awards: apicoltura Luca Finocchio si piazza al terzo posto mondiale

Nell’ambito del premio internazionale London Honey awards, sabato 6 luglio, ha ottenuto il terzo posto mondiale con due medaglie di platino, unico marchio italiano a ottenerle, e una medaglia d’oro

Ancora una volta l’apicoltura Luca Finocchio, di Tornareccio, guadagna un importante premio, in questo caso in riconoscimento “globale”. Ha infatti ottenuto, due affermazioni di grande prestigio.

Nell’ambito del premio internazionale London Honey awards, sabato 6 luglio, ha ottenuto il terzo posto mondiale con due medaglie di platino, unico marchio italiano a ottenerle, e una medaglia d’oro.

Nello specifico il platino è andato al miele d’Arancio – terzo posto mondiale e unico prodotto italiano nella top 10 – e al miele di Acacia mentre l’oro è stato assegnato al Millefiori montagne d’Abruzzo.

In competizione, sabato 6 luglio, all’hotel Hyatt Regency Blackfriars nella capitale britannica, c’erano centinaia di aziende provenienti da 30 nazioni, dalla Grecia alla Nuova Zelanda, dalla Repubblica dominicana al Giappone, all’Italia e alla Gran Bretagna.

Il premio internazionale London Honey awards (liha) è dedicato ai mieli di qualità promosso da Confexpo, società londinese impegnata nella promozione dei brand desiderosi di un posizionamento a livello globale.

Prosegue l’affermazione dell’azienda tornarecciana anche a livello internazionale: per il quinto anno consecutivo, l’apicoltura Luca Finocchio è riuscita ad ottenere un significativo consenso. La competizione britannica, peraltro, è molto impegnativa. La giuria, composta da assaggiatori professionisti, giudica i mieli in gara “alla cieca”, senza alcun riferimento che possa contribuire a individuarli, lasciandosi conquistare solo da elementi organolettici come aroma, profumo, consistenza. In particolare vengono inseriti tra i premi di platino quei mieli che ottengono una votazione tra i 95,5 e i 100 punti.

“Nonostante i cambiamenti climatici, la contrazione della produzione, il lavoro, i sacrifici e l’esperienza premiano”, dichiara soddisfatto il titolare Luca Finocchio, “ci confermiamo, infatti, come l’apicoltura italiana con più riconoscimenti al livello nazionale e internazionale”.

Inoltre è stato premiato anche lo scorso sabato 4 luglio all’Aurum di Pescara durante i premi Phenomena 2024: ha vinto il premio food per il di oltre cinquanta milioni di api; il riconoscimento, tutto al femminile, è andato a Fabiana Finocchio, figlia del titolare e motore economico dell’azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

London Honey awards: apicoltura Luca Finocchio si piazza al terzo posto mondiale
ChietiToday è in caricamento