rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Attualità

Il legno spiaggiato non è rifiuto e può essere riutilizzato: la corte costituzionale dà ragione all'Abruzzo

Il legno a mare? Al riuso. Lo dice una sentenza della corte costituzionale. "Se avesse vinto lo Stato, il legname spiaggiato sarebbe diventato ‘rifiuto’, e come tale trattato per lo smaltimento" commenta il governatore Marsilio

Il legno sulla spiaggia non è da considerarsi rifiuto, ma può essere recuperato: lo dice una sentenza della corte costituzionale depositata ieri, dopo il ricorso del presidente del Consiglio, rappresentato dall'Avvocatura generale dello Stato, in riferimento a una legge della Regione Abruzzo del 20 gennaio 2021 che consente, nell'ambito del demanio marittimo, di poter raccogliere per uso domestico o personale e senza scopo di lucro, tronchi e masse legnose depositati dalle mareggiate invernali sulle spiagge.

La corte costituzionale ha dunque dato ragione alla legge regionale consentendo la raccolta del legno spiaggiato per uso personale o domestico, poichè tale atto è nella prospettiva dell'economia circolare. La norma regionale è quindi da considerarsi conforme alla discipilina statale, realizzando anzi una forma di maggiore tutela dell'ambiente.

"Ringrazio la nostra Avvocatura per il brillante successo in corte costituzionale - è il commento del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio - dove lo Stato pretendeva di dichiarare incostituzionale la legge regionale che permette il recupero del legno spiaggiato. Se avesse vinto lo Stato, il legname spiaggiato sarebbe diventato ‘rifiuto’, e come tale trattato per lo smaltimento…una follia!". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il legno spiaggiato non è rifiuto e può essere riutilizzato: la corte costituzionale dà ragione all'Abruzzo

ChietiToday è in caricamento