Legionella a Ortona: tracce del batterio nella torre di raffreddamento di un'azienda

Comunicato al sindaco Castiglione l'esito delle analisi effettuate dall'Istituto superiore di Sanità di Roma e dell'Arta Abruzzo, su richiesta del dipartimento di Prevenzione della Asl

Immagine di archivio

Tracce di legionella nella torre di raffreddamento di un'azienda della zona industriale di Ortona. È l'esito delle analisi effettuate dall'Istituto superiore di Sanità di Roma e dell'Arta Abruzzo, su richiesta del dipartimento di Prevenzione della Asl, comunicate oggi al sindaco Leo Castiglione. 

Le analisi si sono rese necessarie dopo i diversi casi di legionellosi sull'intero territorio comunale da fine settembre a metà ottobre, quando 9 persone sono rimaste contagiate dal batterio.

I cittadini hanno immediatamente allertato il sindaco che, in stretta collaborazione con il dipartimento di Prevenzione della Asl, nella persona del dottor Claudio Turchi, ha condotto un monitoraggio e supportato i tecnici nella ricerca epidemiologica.

Sulla base dei rilievi nelle abitazioni dei cittadini a cui è stata diagnosticata la legionellosi e sulle analisi condotte sui campioni di acqua prelevati dall’Arta non è stata riscontrata alcuna contaminazione batterica da Legionella Pneumophila con esito, dunque, da considerarsi negativo.

Il dipartimento di Malattie Infettive, laboratorio nazionale di riferimento per le Legionelle dell’Iss di Roma, nella giornata del 19 ottobre ha effettuato un sopralluogo con un ulteriore approfondimento della ricerca epidemiologica. In particolare, dalla relazione inviata si evince che “ sulla base delle indagini effettuate, che evidenziavano una scarsa mobilità dei casi e l’assenza della frequentazione di un luogo comune, le indagini si sono focalizzate sulla ricerca di torri di raffreddamento e/o condensatori evaporativi che, come è noto dalla letteratura scientifica internazionale e anche da almeno due epidemie verificatesi in Italia, sono da considerarsi i sistemi che più frequentemente sono in grado di causare cluster o epidemie di legionellosi”.

Le indagini, condotte congiuntamente con la Asl e con il supporto dei vigili urbani, hanno portato al controllo di tre importanti aziende presenti sul territorio, ovvero la distilleria D’Auria, il pastificio De Cecco e l’azienda Ontex, che sono dotate di sistemi di raffreddamento.

L’Iss nel suo documento rileva che “nella distilleria D’Auria sono state riscontrate tre torri in serie da cui sono stati prelevati 4 campioni di acqua e 6 tamponi biofilm. Le analisi hanno dato esito negativo per legionella. Nella seconda azienda, il pastificio De Cecco, sono state riscontrate torri di raffreddamento che, a detta dei tecnici dell’azienda, entrano in funzione quando la temperatura ambientale scende sotto i 15 gradi e che al momento del sopralluogo erano inattive da molti mesi. Non sono stati effettuati prelievi, non essendo presente acqua nei bacini di raccolta.

Nell’azienda Ontex, infine, è stata riscontrata la presenza di una torre di raffreddamento spenta, ma con presenza di acqua nel bacino di raccolta. Sono stati prelevati 2 campioni d’acqua e 3 tamponi di biofilm dai bacini di raccolta. Le analisi hanno dato esito positivo per entrambi i campioni, con concentrazioni di Legionella Pneumophila sierogruppo 1 sottogruppo Olda, in un campione di 1100 UFC/L e di 1500 UFC/L nell’altro. Anche nei tamponi di biofilm, è stata rilevata Legionella Pneumophila sierogruppo 1 sottogruppo Olda in coltura pura. L’azienda, dalla documentazione inviata alla Asl, ha mostrato che l’ultimo controllo microbiologico, effettuato lo scorso 27 luglio, non aveva evidenziato la presenza di Legionella”.

Nella relazione dell’Istituto Superiore di Sanità si specifica che “sulla base dei risultati delle analisi effettuate, non è possibile al momento dichiarare con certezza quale sia l’origine dell’infezione dei casi. Questa evidenza potrebbe derivare soltanto dal confronto genomico dei ceppi di Legionella isolati dai campioni ambientali con i ceppi di Legionella isolati dai campioni clinici dei pazienti che purtroppo al momento non sono disponibili”.

La relazione si conclude invitando il Comune di Ortona e la Asl, a scopo precauzionale, a prescrivere all'azienda Ontex di effettuare al più presto un’accurata pulizia e disinfezione della torre di raffreddamento in accordo con quanto stabilito dalle linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi.

Inoltre, si raccomanda alla Asl di censire le aziende sul territorio dotate di torri di raffreddamento e di accertare il possesso di un documento di valutazione del rischio legionella, con relativo registro degli interventi effettuati in accordo con quanto prescrivono le linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

  • Sempre più frequenti i lupi in città, il veterinario: "Nessun pericolo per l'uomo, attenti agli animali domestici"

  • L'Abruzzo resta in zona rossa: proroga di una settimana, ma Marsilio spinge per misure meno restrittive

Torna su
ChietiToday è in caricamento