menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori di ripascimento al Foro di Ortona: Wwf contro i cantieri sulla spiaggia

Per l'associazione il progetto dimentica il Fratino e trascura le dune. Chiesto l'intervento della Regione

L’opera di ripascimento dell’arenile tra la foce del fiume Foro e il Lido Riccio a Ortona non convince il Wwf che ha presentato le proprie osservazioni. Secondo l’associazione ambientalista il progetto di escavazione e approfondimento dei fondali del bacino portuale di Ortona, finanziato con i PAR FAS 2007/2013, trascurerebbe il sistema dunale e l’impatto ambientale sul Fratino.

“Nella relazione – evidenzia il Wwf - ci si dimentica completamente del fatto che il Foro di Ortona è da anni una delle zone di maggiore importanza per la specie, sia per il numero di nidi sia per il loro successo: l’ecosistema dunale pioniero, ampio e ben conservato, permette che ci sia un alto numero di nidificazioni, tra le più elevate di tutta la Regione Abruzzo. Il progetto di ripascimento, insistendo direttamente sull’habitat di nidificazione del Fratino, con la evidente e molto invasiva compromissione del sistema dunale, va di fatto a interferire con il ciclo vitale della specie e ne potrebbe compromettere la permanenza nella zona”.

Da qui l’appello alla Regione Abruzzo affinché intervenga a tutela dell’ambiente. 

Il Wwf Abruzzo, insieme al Wwf Zona frentana e costa teatina, ha presentato al Servizio di Valutazioni Ambientali della Regione Abruzzo sue osservazioni al progetto chiedendo “anche che venga elaborata un specifica Valutazione di Incidenza Ambientale (VIncA) che valuti l’impatto sulla specie protetta, il Fratino, come legiferato dal Ministero dell’Ambiente, e di escludere categoricamente un cantiere a terra nell’area di spiaggia compresa fra la foce del fiume Foro a nord e di quella del fiume Arielli a sud, per via della presenza di habitat dunali e specie floro-faunistiche di pregio e importanza comunitaria. Non si può non considerare – concludono le due associazioni - che la zona rappresenta uno dei siti più importanti per la nidificazione del Fratino, che la realizzazione del lavoro potrebbe compromettere in modo considerevole creando un inestimabile danno ambientale”. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento