Attualità San Vito Chietino

Il luoghi del cuore Fai: iniziano i lavori di restauro del trabocco Turchino

A ottobre l'avvio lavori di restauro del trabocco Turchino finanziati da Fai e da Intesa Sanpaolo nell’ambito del 9° censimento di “I luoghi del cuore”

Al via la prima settimana di ottobre i lavori di restauro del trabocco turchino in contrada Portelle a San Vito Chietino realizzato dal Comune con il contributo di Fai e Intesa Sanpaolo di 20 mila euro nell’ambito del 9° censimento “I luoghi del cuore” dei luoghi italiani da non dimenticare.


Nel 2018 furono 20.077 persone a votare il Turchino, facendogli raggiugere il 14° posto della classifica nazionale (1° in Abruzzo): un risultato straordinario, che ha permesso al Comune di San Vito Chietino di presentare un progetto di restauro, sul bando “I Luoghi del Cuore” che viene lanciato dopo ogni censimento.Il progetto è stato approvato a fine 2019 e ha ottenuto il finanziamento di Fai e Intesa Sanpaolo. Dopo diversi mesi di attesa a causa della pandemia, il progetto di recupero è ora al suo avvio.

“L’intervento – evidenzia il Fai - verrà realizzato con il cofinanziamento del Comune di San Vito Chietino e si inserisce nel programma di interventi straordinari, con finalità di restauro e valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico della costa. In linea con il reale significato del trabocco, questo intervento mira a ricostituire l'immagine autentica del sistema attraverso il ripristino dei cinque sottosistemi che lo caratterizzano: la passerella, con appoggi sul fondale (scogli e/o piano sabbioso) in acqua, il reticolo stabilizzante, a livello orizzontale (attualmente poco riconoscibile), il piano di pesca (o piattaforma) che verrà riportato alla dimensione originaria, l'apparato pescante, il più complesso, costituito dalle grandi e piccole antenne e dal sistema di stralli di controvento, oltre che dall'argano per il movimento della rete e il capanno. Quest’ultimo sarà l’unico elemento accettato in una piccola modifica nelle dimensioni”.

Il Trabocco Turchino 

Collocato a ridosso della costa teatina nel comune di San Vito Chietino. Il tratto di costa in oggetto è caratterizzato da una progressione di promontori sul mare, una falesia arenacea, e di piccole cale laterali con fondo ciottoloso: tale sistema costituisce l'immagine tipica della zona. I trabocchi possono essere considerati come costruzioni caratteristiche della costa in oggetto, frutto di scelte legate alle risorse locali e alla cultura materiale espressa nel territorio, il risultato dell'ottimizzazione di forme, strutture e uso dei materiali rispetto alle specifiche condizioni ambientali e tecniche.  Il Turchino, oltre a rappresentare l'ultimo esempio di "genius loci" ancora osservabile, concretizza anche la trattazione che ne fa Gabriele D'Annunzio nel "Trionfo della morte", romanzo scritto proprio su quel promontorio, la cui descrizione appare la più emozionante e appropriata che sia mai stata scritta. 
Il trabocco turchino svolge la funzione di promozione paesaggistica e culturale del territorio. Viene utilizzato dal Comune di San Vito Chietino, che ne è proprietario, e concesso in uso a soggetti pubblici e privati, per attività didattiche, conferenze e convegni, manifestazioni culturali, artistiche, scientifiche ed educative, celebrazione di matrimoni, servizi fotografici e degustazioni di prodotti tipici del territorio.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il luoghi del cuore Fai: iniziano i lavori di restauro del trabocco Turchino

ChietiToday è in caricamento