Mascherine firmate dallo stilista Racioppo in dono ai bimbi diabetici dal Kiwanis

Sono state consegnate a Gionata Di Francesco, presidente dell’associazione ABCDEF onlus (Associazione bambini con diabete e famiglie)

Mascherine firmate Kiwanis club per i bimbi diabetici seguiti dall'ospedale Santissima Annunziata. È il gesto del Kiwanis club Chieti Pescara d'Annunzio, che ha provveduto a consegnare le mascherine prodotte dallo stilista teatino Simone Racioppo e dai soci ai piccoli pazienti e a Gionata Di Francesco, presidente dell’associazione ABCDEF onlus (Associazione bambini con diabete e famiglie).

“La sensibilità di donare mascherine ai pazienti pediatrici diabetici corrisponde alla sensibilità di comprendere la loro patologia e la valenza del concetto di patologia cronica ovvero una patologia che li accompagna tutti i giorni", commenta Stefano Tumini, responsabile della Diabetologia pediatrica e prevenzione delle patologie cardio-metaboliche della Asl Lacnaino Vasto Chieti. 

L'associazione Abcdef è un'associazione regionale intitolata anche alle famiglie nata spontaneamente dai genitori di bimbi con diabete "nella sala d’aspetto dell’ospedale di Chieti - spiega Di Francesco - durante le nostre ricorrenti attese per le visite dei nostri figli dal diabetologo dottor Tumini. È proprio lì, nella sala d’aspetto, che ci siamo conosciuti e ci siamo trovati a parlare del desiderio comune di condividere pensieri e problematiche riguardanti le patologie dei nostri figli e della volontà di fare qualcosa per loro, i nostri ragazzi".

Il Covid in generale e il lockdown in particolare sono stati e continuano a far sentire ripercussioni sui bambini diabetici.

“In Abruzzo ci sono 570-600 bambini con diabete di tipo I e si tratta di numeri che hanno un impatto sociale. In tempo di Covid – spiega Tumini – soprattutto nei primissimi tempi la telemedicina è stata uno strumento di fondamentale importanza per impedire l’interruzione della continuità assistenziale e ci ha permesso di sopperire in modo molto efficace alla presenza fisica delle visite tradizionali. Durante il lungo lockdown, la videoconferenza ha permesso un contatto visivo e vocale come prosecuzione del percorso assistenziale, ma ora intendiamo tornare a una normalità anche se controllata, perché il rapporto umano resta un fattore importante e motivazionale nelle famiglie e nei bambini. Certamente ci sono state conseguenze - spiega Tumini - perché molti bambini hanno messo su peso, ma come controllo metabolico effettivamente ho riscontrato numerosi casi di bambini che sono andati bene perché i ritmi regolari, anche se imposti ma pur sempre regolari, hanno consentito glicemie migliori. Consiglio di riprendere in sicurezza a fare attività fisica regolare per ritornare un po’ alla normalità nei limiti del consentito e altresì buttar giù i chili di troppo accumulati. Intendiamo far sempre di più per i 570-600 bambini con diabete di tipo I che ad oggi calcoliamo in Abruzzo – conclude Tumini – e a livello regionale abbiamo un’elevatissima qualità dell’assistenza ma le criticità preesistenti sommate al covid ci pongono davanti ad una vera sfida per mantenere la qualità assistenziale. Abbiamo dalla nostra parte l’importante supporto dalle associazioni di pazienti e anche grazie a sensibilità esterne come il Kiwanis club Chieti Pescara G. d’Annunzio di cui sono socio e che ci aiutano a porre attenzione sulla problematica del diabete nel bambino oggi in ottica di sinergia ci appressiamo a guardare con ottimismo al futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Lancia sassi alla ex e al nuovo fidanzato e sfonda la porta di casa: 30enne denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento