rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Attualità

Jova Beach Party, Stazione ornitologica abruzzese: "Cancellata ogni forma di vita su un ampio tratto di spiaggia libera"

Gli ambientalisti rispondono al resoconto entusiastico del sindaco di Vasto, Francesco Menna e della sua giunta sul doppio concerto di Jovanotti del 19 e 20 agosto

"A Vasto su un ampio tratto di spiaggia libera che ha ospitato il Jova Beach Party è stata cancellata ogni forma di vita". Non ci stanno i membri della Stazione ornitologica abruzzese (Soa) sul doppio concerto di Jovanotti del 19 e 20 agosto che rispondono al resoconto entusiastico del sindaco Francesco Menna e della sua giunta.

Gli ambientalisti hanno stilato un elenco di criticità, giungendo alla conclusione che il Jova Beach avrebbe causato danni ambientali e naturalistici. "L'intubazione di Fosso Marino, un canale naturale, ha cancellato la vegetazione spondale fatta di cannucce di palude -  dice Massimo Pellegrini, presidente Soa - il piano del demanio marittimo regionale impone la tutela delle specie di piante dunali come il Ginestrino delle Spiagge, che era presente ed è stato distrutto; gli anfibi tutelati dalla legge regionale presenti nel fosso sono stati travolti; il piano spiaggia del comune di Vasto destina quella stessa area a tutela naturalistica e rinaturalizzazione. Pertanto la giunta è inadempiente rispetto agli obiettivi fissati dalla pianificazione esistente varata dalla precedente amministrazione".

Secondo Pellegrini, inoltre, non sono state rispettate alcune indicazioni della Commissione ambientale comunale, come quella di cambiare direzione del palco per non far investire la riserva Marina di Vasto, distante 450 metri dall'area del concerto, delle emissioni sonore e luminose del concerto. "Come mai il gestore per conto del Comune di Vasto, Legambiente, non ha avuto nulla da ridire su una cosa così rilevante che con ogni probabilità andrà a finire sul tavolo della Commissione Europea che da tempo ha acceso un faro sull'Italia sul mancato rispetto della direttiva Habitat? - prosegue il presidente - inoltre la Commissione ambientale comunale ha fatto rilievi fonometrici per monitorare il disturbo dopo la scelta di non spostare il palco? Le persone si sono arrampicate sulle dune, calpestandole, per assistere da lontano allo spettacolo e nella riserva si sono fermati addirittura a campeggiare: altra violazione delle prescrizioni a conferma che la sorveglianza è stata insufficiente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jova Beach Party, Stazione ornitologica abruzzese: "Cancellata ogni forma di vita su un ampio tratto di spiaggia libera"

ChietiToday è in caricamento