menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Italia Nostra compie 65 anni: Emiliano Giancristofaro nominato "socio meritevole"

Il riconoscimento al socio lancianese dall'associazione di salvaguardia dei beni culturali, artistici e naturali

L'associazione di salvaguardia dei beni culturali, artistici e naturali compie 65 anni. Per l'occasione la onlus ha deciso di dare un riconoscimento alle "tante battaglie portate avanti dai soci e dai volontari che si impegnano ogni giorno".

La onlus ha deciso, quindi, di festeggiare con la “Giornata del socio meritevole”:  un riconoscimento dedicato a coloro che si sono distinti per l’impegno, mettendo a servizio del bene comune le proprie capacità e competenze.

"Nomi di persone normali ma speciali - si legge nella nota dell'associazione - cittadini qualunque ma meritevoli, che hanno trovato in Italia Nostra un supporto che ha fatto crescere le istanze dei territori, della cultura e della sussidiarietà"

In Abruzzo sono cinque i "soci meritevoli" e tra questi anche il lancianese Emiliano Giancristofaro: 

Socio di Italia Nostra dal 1963, co-fondatore della prima sezione in Abruzzo, quella di Lanciano, e a lungo presidente regionale, si è distinto per l’intensa attività di salvaguardia ambientale e culturale che ha portato avanti senza sosta, arrivando a difendere con il suo stesso corpo dalle ruspe boschi, alberi millenari e manufatti antichi che rischiavano l’abbattimento per scopi privatistici e di cementificazione. Come consigliere comunale di Liste Civiche, ha fatto apporre il vincolo naturalistico regionale alla secolare Lecceta di Torino di Sangro e quello storico-artistico e paesaggistico nazionale all’abbazia medievale di San Giovanni in Venere a Fossacesia, vincolando assieme al monumento l’intero promontorio (oggi riconosciuto come uno dei luoghi più belli d’Italia). A Lanciano ha fatto apporre il vincolo architettonico a Villa Marciani e ad altre ville in stile liberty, in seguito restaurate e abitate. Con Italia Nostra ha sollecitato la Provincia di Chieti per un nuovo uso del reliquato ferroviario come “corridoio verde per la costa teatina”, da cui si è originata l’attuale pista ciclabile e pedonale.


Questi i nomi degli altri soci abruzzesi: Antonio Mutoschi di Atri, Piero Ferretti di Pescara, Adriana Avenanti di Pescara, Giuseppe Scarselli di Teramo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento