Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Al via le domande di iscrizione per l'asilo nido comunale, amministrazione al lavoro per affidare le altre strutture

Si può procedere sia in via telematica che consegnando la domanda negli uffici comunali della Pubblica istruzione

Sono aperte da lunedì (3 maggio) le iscrizioni per l'asilo nido comunale Il riccio e la volpe di via Amiterno. Si può procedere sia in via telematica che consegnando la domanda negli uffici comunali della Pubblica istruzione.

Proprio per l'organizzazione del servizio, ieri mattina si è svolta una riunione per consentire, nel più breve tempo possibile, l’utilizzo di altre strutture e, di conseguenza, il progressivo abbattimento delle liste d’attesa. All’incontro hanno partecipato gli assessori a Personale e Pubblica Istruzione Enrico Raimondi e Teresa Giammarino e la consigliera delegata agli asili nido Barbara Di Roberto.

“Sui nidi - spiega il sindaco Diego Ferrara -  la linea dell’amministrazione è netta: garantire il servizio, azzerando le liste di attesa e mettendo a disposizione della comunità il maggior numero di strutture comunali possibile. È un impegno preso con la città, che onoreremo, affinché i bambini possano essere iscritti ed essere seguiti al meglio, tenendo conto dell’Isee delle famiglie, in modo che venga assicurato a tutti, in primis alle fasce più vulnerabili e stabilendo gli standard e la qualità del servizio. Il nido è l’unico rimasto aperto e proseguirà il suo naturale percorso, senza alcun tipo di cambiamento anche per il prossimo anno. Il Comune farà un bando per individuare i gestori delle altre strutture utilizzabili e di proprietà pubblica, chiuse dal 2018 o ancora da aprire. Si tratta di un servizio essenziale, che non può essere sottodimensionato com’è oggi e che dobbiamo assicurare perché il ruolo di una pubblica amministrazione è quello di sostenere le famiglie, soprattutto in questo momento”.

“Nessun posto di lavoro sarà perso - assicurano gli assessori al Personale e alla Pubblica Istruzione Enrico Raimoindi e Teresa Giammarino e la consigliera Barbara Di Roberto, a margine della riunione sindacale tenutasi stamane – Un concetto ampiamente ribadito alle sigle sindacali che abbiamo voluto incontrare proprio per chiarire che non è nostra intenzione chiudere l’asilo, ma garantirlo e rilanciarlo e che tale via sarà intrapresa non subito, ma da qui a due anni, il tempo, cioè, di capire come il piano di riequilibrio procederà il suo percorso. In ogni caso sarà un percorso costruito e condiviso con i sindacati e il personale e, soprattutto, trasparente".

"Nel frattempo - proseguono - non possiamo restare con le mani in mano. La struttura di via Masci è nuova e completa anche negli arredi e stiamo lavorando con gli uffici perché sia disponibile ad accogliere i bambini già da settembre, una volta effettuato il bando per individuare il soggetto che avrà la gestione. Così ci auguriamo di fare anche con l’asilo di piazza Carafa, dove però mancano gli arredi ed è in sede di definizione il cantiere degli alloggi soprastanti, ma su cui potremo intervenire in progress, aprendo nuove possibilità anche dopo settembre. Le strutture di via Arenazze e viale Amendola necessitano di lavori di adeguamento, affinché possano essere compatibili ai parametri richiesti dalla Regione per l’accreditamento e, dunque, per poter essere destinatari di risorse da utilizzare a copertura dei costi. Con l’assessorato ai Lavori Pubblici abbiamo però disposto un progetto che interessi entrambe le strutture, per cui chiederemo di poter accedere ai finanziamenti messi a disposizione dal bando del ministero della Pubblica Istruzione che scade a fine maggio e che con una dotazione complessiva di 700 milioni nasce proprio per riqualificare e mettere a norma e in sicurezza asili nido e scuole dell’infanzia. Lo scopo di questa azione è quello di elevare lo standard dei servizi che Chieti deve tornare a essere in grado di dare, perché non si tratta di privilegi, ma di dare a ogni cittadino, grande o piccolo e a ogni famiglia, la possibilità di esercitare i propri diritti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via le domande di iscrizione per l'asilo nido comunale, amministrazione al lavoro per affidare le altre strutture

ChietiToday è in caricamento