menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finalmente inizia la campagna vaccinale anti Covid: si parte con 40 operatori sanitari a Chieti

La campagna si svolgerà secondo un piano che la direzione Asl ha formalizzato con una delibera, nella quale sono state differenziate le categorie da vaccinare prioritariamente nelle fasi iniziali e precisate modalità organizzative

Inizia domani (sabato 2 gennaio) la campagna vaccinale anti Covid della Asl Lanciano Vasto Chieti. Al policlinico di Colle dell'Ara, saranno somministrate le prime dosi a 40 operatori sanitari.

Nei giorni seguenti, si proseguirà anche a Lanciano e Vasto, individuati come punti vaccinali ospedalieri, mentre a livello territoriale saranno impiegati i pta di Casoli e Guardiagrele, il distretto di Lanciano, l’ex Santissima Annunziata di Chieti e l’area distrettuale 3 del vastese. 

La prima fornitura di vaccini è arrivata ieri mattina, portata a Chieti da mezzi della cooperativa Valtrigno scortati da una macchina della polizia. 

La campagna si svolgerà secondo un piano che la direzione Asl ha formalizzato con una delibera, nella quale sono state differenziate le categorie da vaccinare prioritariamente nelle fasi iniziali e precisate modalità organizzative. Le prime dosi andranno al personale sanitario e non che opera all’interno del sistema salute dalla Asl (inclusi farmacisti, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, specialisti ambulatoriali interni, medici di continuità assistenziale) identificati in base a classi di rischio ben definite, residenti e personale delle rsa,  persone di età superiore a 80 anni. 

Naturalmente, con l'aumento delle dosi a disposizione, si inizierà a sottoporre a vaccinazione le altre categorie di popolazione, fra le quali quelle appartenenti ai servizi essenziali, come gli insegnanti e il personale scolastico, le forze dell'ordine, il personale delle carceri e dei luoghi di comunità, ecceter.

È stata comunque prevista una flessibilità organizzativa in caso di focolai epidemici o per particolari categorie che si rivelassero a rischio. 

Per l’area ospedaliera, le vaccinazioni saranno coordinate dalle direzioni mediche, che identificheranno il personale da vaccinare d'intesa con i direttori e i coordinatori delle unità operative, mentre per l’area territoriale saranno coordinate dal Servizio Igiene a Sanità Pubblica, d'intesa con i responsabili dei distretti e pta e per gli anziani ospiti delle residenze con il Servizio valutazione appropriatezza delle prestazioni sanitarie. 

Le categorie degli operatori sanitari da vaccinare prioritariamente sono gli operatori del 118, del Pronto Soccorso, delle Radiologie Covid, delle Rianimazioni Covid di Chieti e Vasto, delle Malattie Infettive di Chieti e Vasto, della Pneumologia Covid di Chieti, delle Medicine Covid di Chieti, dei reparti Covid dell’ospedale di Atessa , della Rsa di Casolo e Pta di Gissi, delle strutture Covid Hospital, i  medici Usca.  

Per favorire l'adesione alla vaccinazione, la Asl ha adottato un modello organizzativo che garantisca un’offerta di prossimità, anche al fine di ridurre il più possibile gli impatti organizzativi sui servizi sanitari e sui turni del personale.

All'ospedale di Chieti, saranno vaccinati gli operatori del Santissima Annunziata e del Bernabeo di Ortona, che dovranno presentarsi nei locali della piastra ambulatoriale al 7° livello. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Abruzzo in zona arancione: cosa cambia da oggi

Attualità

Variante inglese del Covid, boom di casi a Guardiagrele

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento