Vertice in Provincia sulla Via Verde, i sindaci chiedono maggiore coinvolgimento per velocizzare l'inaugurazione

All'incontro con il presidente Pupillo hanno partecipato i primi cittadini di tutti i Comuni costieri percorsi dal tracciato, da Ortona a Vasto

Vertice in Provincia, ieri mattina, per discutere dei nodi irrisolti della Via Verde, la pista ciclopedonale che collega il litorale chietino da Ortona a Vasto. All'incontro con il presidente Mario Pupillo, richiesto dal sindaco di Ortona, Leo Castiglione, hanno partecipato i primi cittadini di tutti i Comuni costieri percorsi dal tracciato.

"Il completamento della Via Verde - dice Castiglione - è diventata una priorità assoluta per i territori, non solo per la sua forte capacità attrattiva in termini turistici, ma anche perché, nonostante sia ancora di fatto un cantiere, con tutte le problematiche di sicurezza, è ormai frequentatissima, per cui si pongono anche questioni in ordine alla manutenzione e pulizia del tratto".

Il sindaco Castiglione nel suo intervento ha chiesto alla Provincia una maggiore condivisone con i sindaci dei Comuni attraversati dalla pista, concetto ampiamente condiviso dai colleghi presenti, sullo stato dell’arte e sulle criticità al fine di mettere in campo quanto necessario per superarle e per giungere velocemente all’inaugurazione dell’opera nella sua interezza. Castiglione ha infatti ribadito la sua contrarietà a inaugurazioni spot solo di alcuni tratti, ribadendo la necessità di aprire tutta la pista affinché diventi davvero l’attrattore turistico di cui tutti parlano.

Attualmente la criticità maggiore del percorso ciclopedonale è rappresentata dalle gallerie dell’ex tracciato ferroviario su cui la Provincia di Chieti ha voluto avviare uno studio più approfondito al fine di valutarne bene le condizioni attuali e gli eventuali interventi da mettere in campo.

"Ortona purtroppo è sicuramente il tratto più problematico, così come è stato spiegato dai tecnici della Provincia e dal responsabile dell’Ati che sta effettuando i lavori - sottolinea il sindaco Castiglione- sia per le gallerie che per l’erosione della scogliera. Su quest’ultima la ditta è già intervenuta, mentre sulle gallerie e in particolare su quella dell’Acquabella ci sono problemi sia per le infiltrazioni di acqua che per la frana del costone sovrastante, dove sarebbe auspicabile e logico realizzare la protezione di contenimento prima dell’apertura della pista.  Quello che preoccupa è che al momento non è ancora chiara l’entità economica degli interventi da attuare e per questo ho chiesto di verificare velocemente il budget al fine, se necessario, di cercare ulteriori finanziamenti. Quello che però deve essere chiaro è che non si può pensare di riaprire i tratti terminati e senza problemi lasciando invece da parte gli altri da terminare, l’opera è unica e deve essere riconsegnata ai cittadini nella sua totalità. La promozione della nostra regione viaggia sulla Via Verde e solo il completamento di tutto il tratto porterà benefici a tutti".

Il sindaco Castiglione ha anche ribadito alla Provincia la necessità di una pianificazione territoriale congiunta sulle aree attigue alla pista in modo da avviare uno sviluppo sostenibile e concertato per dotare la pista dei servizi turistici adeguati.

Intanto, il Comune di Ortona continua a lavorare anche per il completamento della pista ciclopedonale a nord, tratto Ortona - Francavilla, proprio oggi si avvia infatti la seconda fase dell’aggiudicazione dell’appalto per la progettazione con la valutazione delle offerte economiche.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento