menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

La fontana di piazza Valignani si colora per la Giornata delle malattie rare

Un gesto di vicinanza, solidarietà e consapevolezza per la 14esima edizione dell'iniziativa di Uniamo, la Federazione malattie rare

La fontana di piazza Valignani illuminata di blu, verde e fucsia, per la Giornata delle Malattie Rare. Anche il Comune di Chieti aderisce così all'iniziativa di domani (domenica 28 febbraio) per la 14esima edizione a cura di Uniamo, la Federazione malattie rare. 

“Si tratta di consapevolezza e civiltà – commentano il sindaco Diego Ferrara e la consigliera Silvia Di Pasquale (Chi ama Chieti) – Grazie alla ricerca, oggi ci sono più certezze in merito alla natura e alla cura di patologie che colpiscono lo 0,05% della popolazione, manifestando 1 caso ogni 2.000 persone. Il numero di malattie rare conosciute e diagnosticate si attesta tra 7.000 e 8.000: sono malattie gravi, croniche, progressive e non sempre diagnosticabili, tanto che il 30% dei malati non riesce ad avere una diagnosi".

"È anche una questione di civiltà - aggiungono - perché bisogna sostenere le famiglie e chi è affetto da queste patologie, dando il massimo del supporto possibile e a tal proposito siamo ben felici che da lunedì scorso sia operativo al 7° livello dell'ospedale di Chieti lo sportello informativo per le malattie rare e quelle emorragiche trombotiche, grazie alla onlus A.Ma.r.e. (Associazione malattie rare ematologiche), segno di un’attenzione che la nostra sanità riserva a un campo che colpisce soprattutto i bambini".

"Chi vive queste particolari situazioni, sappia che la nostra fontana illuminata con i colori della giornata significa attenzione e ascolto e che attraverso l’informazione e il sostegno si alimenta una ricerca che è materia preziosa per la diagnosi e la terapia di tante patologie, che potrebbero essere affrontate meglio se fossero trattate con diagnosi precoci. Questa luce - concludono Ferrara e Di Pasquale - è anche il monito a non spegnere l’attenzione fino ad oggi costruita intorno a tali temi, perché quando il covid, ci auguriamo al più presto, passerà, resterà comunque da affrontare tutto il resto e non si può perdere tempo, quando c’è un percorso aperto e un cammino da portare avanti per migliorare la vita di migliaia di persone e famiglie”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento