rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Attualità

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in aumento i casi dopo la pandemia

I dati verranno analizzati in uno degli appuntamenti che scandiranno un calendario di quattro giorni a Chieti, dal 23 al 27 novembre. Nel programma eventi teatrali, dibattiti e un corso di difesa personale

Quattro giorni di eventi e di riflessioni a Chieti in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre, con un programma sul tema “La violenza non è amore”.

Gli eventi si svolgeranno in città dal 23 al 27 novembre: il calendario è stato illustrato nel dettaglio dal sindaco Diego Ferrara, dal presidente e dalla vicepresidente del consiglio comunale Luigi Febo e Silvia Di Pasquale, dalla responsabile del Centro antiviolenza Alpha Marialaura Di Loreto e dai consiglieri comunali Alberta Giannini e Paride Paci.

“Una giornata tanti momenti di riflessione – ha esordito il sindaco Diego Ferrara - Chieti risponde e agisce e siamo lieti di farlo attraverso iniziative concrete, come la riflessione il reinserimento nel mondo del lavoro che è ben rappresentato nei dati che ogni anno il Centro antiviolenza ci fornisce”.

"L’iniziativa - hanno aggiunto il presidente del Consiglio comunale Luigi Febo e la vice Silvia Di Pasquale - nasce con una grande e importante sinergia, realizzata con il patrocinio della Prefettura di Chieti e con la preziosa collaborazione del Centro antiviolenza Alpha e la rete di associazioni cittadine che animano gli appuntamenti e che vogliamo ringraziare tutti perché questa sinergia, che ha già funzionato per il 25 aprile regalando alla città tanti eventi belli e vissuti, si ripeta e si potenzi. In questi quattro giorni c’è una grande opportunità: riflettere insieme su un tema che non può durare un solo giorno, per questo iniziamo a estenderla, ma sappiamo che sono pronti anche altri eventi che nasceranno da qui al 25 novembre 2023, perché questo argomento ci interessa tutti e deve interessarci e coinvolgerci sempre".

Per la coordinatrice della rete antiviolenza del Centro Alpha Marialaura Di Loreto "la sensibilizzazione è fondamentale e può arrivare da tante direzioni. Il 24 ci sarà il momento centrale della quattro giorni, con l’ufficializzazione di dati che sono aumento, i casi, specie dopo la pandemia sono aumentati. A seguire si parlerà di linguaggio nei media e di stereotipi del linguaggio giuridico, perché é dal linguaggio che si sviluppa altra violenza. Questi due passaggi saranno condivisi con tutte le scuole superiori cittadine che saranno collegate da remoto per seguirlo. I dati come detto sono in aumento e ciò va letto in modo positivo, perché tante più donne emergono, tanto più è percepito, denunciato e combattuto il fenomeno. Le donne colpite da violenza hanno una forza straordinaria, perché vivono una condizione di privazione di risorse e di tutto ciò che serve per stare bene. Con la rete riusciamo ad aiutarne tante, restituiendo loro libertà, lavoro e un’altra vita. È questa la storia che raccontano i dati che presenteremo a giorni”.

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: gli eventi a Chieti

Il programma prevede, nella giornata di mercoledì 23 novembre, alle 20 nel foyer del teatro Marrucino, l'evento “Il controllo sociale delle donne nella Chieti preunitaria. Dal Conservatorio delle pentite alla libera scelta di Dorinda de Sanctis Ricciardone”, a cura dell’associazione culturale Scopriteate seguito, alle 21, dallo spettacolo teatrale “Voci di donne”, storie per costruire cambiamento, a cura di Giuliana Antenucci e dell’associazione Libera contro le Mafie, presidio Attilio Romanò.

Giovedì 24 novembre alle 10 nel salone storico della prefettura di Chieti si terrà la conferenza di presentazione dell’attività della rete antiviolenza del Comune di Chieti a cura della coordinatrice Marialaura Di Loreto, responsabile del Centro Antiviolenza Alpha e alle 11l'incontro dibattito “Le parole che fanno male”, il linguaggio dei media e della giurisprudenza di fronte alla violenza di genere, relazioni di Paola Spadari, consigliera segretaria dell’Ordine nazionale dei giornalisti, “I media e il racconto della violenza”; Ernesta Bonetti, avvocato di Alpha Centro Antiviolenza, “Sterotipi e pregiudizi nel linguaggio della giustizia".

Venerdì 25 novembre sarà la giornata più ricca: in piazza Vico, dalle 9,30 alle 12,30 sosterà il camper della polizia di Stato per un’azione di sensibilizzazione con le scuole, alle 15 presentazione della panchina rossa  a cura della Cgil, Spi Cgil Chieti; alle 15.30 nella sala Cascella della Camera di commercio si terrà l'eento “No alla violenza sulle donne”, con i saluti di Alessia Antenucci, segretaria generale Spi Chieti, Anna Piccone, responsabile coordinamento Donne Spi Chieti e la proiezione del film “La scelta di Anne (L’evenement)” regia di Audrey Diwan. Alle 17.30-19.30 nella sede comunale di corso Marrucino si terrà il corso gratuito di difesa personale Donne al sicuro, “Diciamo No alla violenza sulle donne”, a cura dell’associazione I.P.T.S. La sera, alle 21 nella pinacoteca Barbella si terrà lo spettacolo teatrale itinerante “I panni sporchi stendili fuori”, a cura dell’associazione Donn'è.

Domenica 27 novembre sarà sempre la pinacoteca Barbella, alle ore 17, a ospitare la presentazione e il dialogo sul libro "Non siamo sole. Otto storie di solidarietà femminile", un’antologia che raccoglie le voci di otto scrittrici di origine abruzzese: Patrizia Angelozzi, Maura Chiulli, Loretta D’Orsogna, Valentina Di Cesare, Maristella Lippolis, Eva Martelli, Eleonora Molisani e Roberta Zimei. Saranno presenti le autrici Maura Chiulli e Patrizia Angelozzi, con la segretaria della Fondazione delle Scienze per la vita Andreina Poggi.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in aumento i casi dopo la pandemia

ChietiToday è in caricamento