menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione esterna asili nido, Rucci (Fp Cgil): "Ci saremmo aspettati un confronto con il Comune"

Il segretario generale auspica che le "scelte politiche non vadano a colpire nuovamente un servizio importante e fondamentale per la città che inevitabilmente andrebbe a ricadere sulle famiglie"

"Come organizzazioni sindacali, ci saremmo aspettati di avere un confronto di merito preventivo su questioni così delicate e importanti per la collettività, non leggerle a mezzo stampa". Così il segretario generale della Fp Cgil Chieti, Giuseppe Rucci, commenta la scelta dell'amministrazione comunale di affidare all'esterno la gestione degli asili nido, che sarà discussa nel consiglio comunale di domani. 

"L’azione amministrativa portata avanti negli ultimi anni - dice - purtroppo e? stata caratterizzata da una totale disattenzione verso questo servizio. Auspichiamo che la discontinuita? rispetto al recente passato debba e possa considerare questo servizio non come un peso finanziario oneroso, ma come un investimento sul futuro del servizio integrato 0-6, esattamente come indicato nel decreto 65 della Buona Scuola. Una progettualita? che potrebbe diventare un volano, con il coinvolgimento degli istituti comprensivi p geer la realizzazione di una rete territoriale dei servizi educativi di qualita?".

"Riteniamo - incalza Rucci - che una riflessione seria anche su come utilizzare e reperire le risorse non possa che partire principalmente da quanto previsto dalla legge di Bilancio, che prevede misure in favore e a sostegno degli asili nido o dalla possibilita? di accedere ai finanziamenti regionali e del Miur, ivi compresi quelli per ammortizzare i mancati incassi causa Covid. Consapevoli che un piano di riequilibrio stante la situazione economica dell’ente sia necessario - conclude - auspichiamo fortemente che le relative scelte politiche non vadano a colpire nuovamente un servizio importante e fondamentale per la citta? che inevitabilmente andrebbe a ricadere sulle famiglie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento