Attualità

Un premio a chi mangia più arrosticini, ma l'Abruzzo si indigna: "Per così poco non accendiamo neanche la brace!"

La sfida organizzata da un locale di Como sulla pietanza più famosa della nostra regione è ancora aperta: il record è di 78

Divoratori di arrosticini a rapporto: un ristorante di Como ha messo in palio un buono per i golosi che riusciranno a battere il record di quelli mangiati. Fin qui, tutto normale. Se non fosse che la singolare sfida raccontata da Qui Como ha creato non poco scalpore direttamente dalla Lombardia all'Abruzzo.

Perché gli abruzzesi, si sa, hanno un culto "purista" dell'arrosticino. Non c'è festa, occasione conviviale, gita fuoriporta dove il "ceppo" abruzzese non sia protagonista. E a mangiarlo correttamente, sfilando i pezzetti di carne con i denti, si impara sin dalla più tenera età. Per non parlare, poi, dei segreti della cottura e della salatura, tramandati di padre in figlio come un segreto di famiglia. E la quantità di arrosticini mangiati è motivo di vanto tra amici e parenti.

Ecco perché la sfida de La locanda dei giurati, partita da un record da battere di 51 arrosticini, ha scatenato il caos sui social network. "Per 51 - il commento più frequente - non accendo neanche la brace". E l'indignazione divertita ha fatto diventare virale la gara del locale.

Nel giro di pochi giorni in tanti, incuriositi, hanno voluto tentare di aggiudicarsi il premio in palio, un buono da 100 euro, con nuovi record raggiunti ogni giorno. Al momento (21 settembre), il campione in carica ha divorato uno dopo l'altro 78 arrosticini senza battere ciglio. Per cui, chi volesse raccogliere il guanto di sfida, deve riuscire a mangiarne almeno uno in più. 

La competizione a base di carne ovina è aperta fino al 30 settembre, con la classifica costantemente aggiornata sui canali social del ristorante. 

Schermata 2020-09-21 alle 18.54.06-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un premio a chi mangia più arrosticini, ma l'Abruzzo si indigna: "Per così poco non accendiamo neanche la brace!"

ChietiToday è in caricamento