Furti in casa, durante le festività il rischio corre sui social

Due abruzzesi su tre temono che un’eccessiva visibilità sui social network possa esporre la propria casa a un maggior rischio di furti

Le feste natalizie ormai alle porte si celebreranno anche online: a breve i profili social degli italiani – e quindi anche degli abruzzesi - si coloreranno con foto della settimana bianca e dei regali scambiati e scartati davanti al panettone. Ma attenzione agli sguardi indiscreti…

Come rivela infatti l’ultima ricerca dell’Osservatorio Sara Assicurazioni, quasi due abruzzesi su tre (59%) temono che un’eccessiva visibilità sui social network possa esporre la propria casa a un maggior rischio di furti e per questo ritengono che occorra fare un uso accorto e consapevole di queste piattaforme, evitando di condividere, specie pubblicamente, troppe informazioni su di sé.

Proprio le vacanze, tra l’altro, sono indicate dal 31% degli intervistati come uno dei momenti in cui si teme di più che i ladri possano introdursi in casa. Un ulteriore 57% dichiara di aver più paura di un’intrusione notturna, mentre si dorme; infine, l’11% teme che avvenga di giorno, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno in casa o meno.

Subire un furto o una rapina nella propria casa spaventa per diverse ragioni: per il rischio di subire un’aggressione (48%) e per il danno economico derivante dalla perdita di preziosi (18%) o da atti vandalici (14%). Ma a pesare, per un ulteriore 15%, sono anche le conseguenze emotive legate all’evento.

Come difendersi, allora, dalle intrusioni indesiderate? Tra le soluzioni migliori, per il 31% degli abruzzesi c’è quella di installare un impianto di allarme, per il 19% quella di rafforzare i dispositivi di sicurezza di porte e finestre mentre un ulteriore 9% indica la stipula di una polizza contro i furti, che risarcisca dagli eventuali danni subiti.

Tuttavia, ben il 43% degli abruzzesi ha dichiarato di non aver adottato nessuna misura di protezione della propria casa nell’ultimo anno, a causa del costo eccessivo.

Talvolta ci si arrangia con deterrenti alternativi, come lasciare la luce accesa anche di notte o quando si esce per fingere una presenza vigile nel domicilio (34%) o, quando si è fuori casa, affidarsi al vicino per controllare la propria abitazione (23%). E c’è anche chi realizza allarmi “artigianali” con oggetti messi davanti a porte e finestre che, se spostati, fanno rumore (21%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

Torna su
ChietiToday è in caricamento