menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna il grande freddo: i consigli del Wwf per aiutare i pennuti in difficoltà

Il decalogo per tutelare gli animali selvatici, compresi quelli che popolano i nostri giardini e le nostre città

La quota neve non si è ancora abbassata a livelli collinari, ma il mese di dicembre è caratterizzato in ogni angolo della regione da temperature particolarmente rigide che stanno mettendo in difficoltà la vita degli animali selvatici, compresi quelli che popolano i nostri giardini e le nostre città. È ben noto del resto che, ad esempio, la mortalità degli uccelli in inverno è più alta che non nel resto dell'anno.

Ecco allora che in questa stagione arrivano i consigli del Wwf per dare un aiuto ai pennuti. Sistemare una mangiatoia in giardino, sul balcone o su un davanzale, oltre che rappresentare un valido e concreto aiuto per gli animali in difficoltà, spiega in una nota l'associazione del Panda "ci permetterà di rilassarci praticando un comodo birdwatching casalingo, ci consentirà di saperne di più sugli uccelli che frequentano la nostra zona e ci darà l'occasione per scattare qualche bella foto".

Le mangiatoie potranno essere acquistate con una modica spesa in qualsiasi rivendita di cibo per animali e in altri negozi di settore ma i più creativi possono anche dilettarsi nella costruzione faidate: on line si possono trovare parecchi tutorial.

Se poi non si vogliono spendere pochi spicci né impegnare tempo nel lavoro manuale, ci si può limitare ad appendere al ramo di un albero una collanina di arachidi realizzata facendo passare all’interno delle noccioline spago o del fil di ferro. Una scelta che ad esempio le cinciarelle, spesso molto confidenti, certamente gradiranno. Tutti i granivori apprezzeranno invece alcune spighe di panico intrecciate adagiate sui rami o una mangiatoia, naturale al 100%, realizzata con la buccia di un arancio tagliata a coppa poggiata o appesa colmata con una bella miscela di semi, di quelle che si comprano di solito per i canarini.

Circa il cibo da offrire, oltre le miscele (tra gli altri canapa, miglio e avena), tra le sementi più apprezzate ci sono i semi di girasole, di cui esiste anche una cultivar nera tipica abruzzese. Come frutti si potranno utilizzare invece quelli che ci offre la stagione come cachi, pere, mele e datteri ma anche frutta secca sbriciolata, molto gradita a esempio dai pettirossi. È anche possibile fare di più realizzando delle mini tortine impastando strutto o margarina con briciole dolci e semi misti, da mettere poi a disposizione degli uccellini nelle retine delle confezioni dei limoni appese al ramo di un albero. Una offerta certamente molto gradita. Se poi non c'è tempo di mettersi a impastare, ma non si vuole rinunciare al piacere di offrire un pasto energetico agli amici alati, le tortine si possono anche acquistare nei negozi di prodotti per animali; in casa inoltre ci saranno con ogni probabilità qualche biscotto o altri dolcetti. Si devono invece evitare le inadatte briciole di pane e nel modo più assoluto i semi salati.

Infine, qualche consiglio di carattere generale: le mangiatoie vanno tenute sempre pulite per evitare che il cibo ammuffisca; può essere utile, specie per i modelli senza copertura a tetto, realizzare sul fondo qualche foro per il drenaggio dell'acqua piovana; la collocazione migliore è in un punto tranquillo del giardino, magari protetto dalla vegetazione, dove la fauna selvatica di senta al riparo, ma che al contempo ci permetta l'osservazione e lo studio delle specie che vorranno farci visita. Importantissimo sarà offrire il cibo a una altezza tale da garantire la sicurezza degli uccelli. 

Bisogna ricordarsi anche del fatto che i gatti sono i maggiori predatori degli uccelli nelle aree urbane: tenerli in casa nei giorni di maggiore freddo e ancor più quando c’è neve sarà una preziosa accortezza per l’avifauna. Passeri, cince, cinciarelle, cinciallegre, merli, storni, pettirossi, tortore, fringuelli, ma anche il picchio muratore e tantissime altre specie meno comuni vi ringrazieranno e vi faranno compagnia per un inverno un po’ meno freddo, in armonia con la natura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento