A Fossacesia pugno duro contro chi serve alcolici ai minorenni: rafforzati i controlli

L'appello del sindaco Di Giuseppantonio ai ragazzi e ai gestori di locali e promette l'aumento della sorveglianza

Il sindaco Di Giuseppantonio

“La vendita di alcol ai minori non può essere fatta perché la salute dei più giovani deve essere tutelata, con ogni mezzo. Ciò vale ovunque come a Fossacesia, che ha una posizione ferma in tale ambito e ha sempre scelto di non abbassare la guardia per contrastare la vendita di alcolici a minorenni e alla tutela della salute dei più giovani, dei turisti e dei cittadini”.

È il duro monito del sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, che interviene richiamando coloro che vendono alcolici ai minorenni, preoccupato per un fenomeno sempre più diffuso in Italia, soprattutto nelle località turistiche particolarmente affollate in questo periodo.

“Desidero rivolgere un appello ai nostri giovani - aggiunge il sindaco - affinché comprendano che ci si può divertire anche in modo semplice e sano. Imparate a dare valore alla vostra splendida e preziosa vita. L’amore e l’amicizia non hanno bisogno di stupefacenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È necessario contrastare i tentativi di aggirare le norme per ridurre l’abuso di alcol da parte dei minori che porta con sé una serie di problematiche – afferma Di Giuseppantonio - Aumenteremo la sorveglianza, così come concordato in un incontro con il comandante della stazione dei carabinieri di Fossacesia Tommaso Panìco e della polizia municipale Fiorenzo Laudadio, e agiremo per scovare chi tenterà di eludere i controlli come rivolgersi ad attività che hanno nella loro offerta merceologica gli alcolici e superalcolici. A Fossacesia parleremo ancora con i gestori dei locali dal momento che il problema è anche loro, insieme alle forze dell’ordine, alle quali va il nostro ringraziamento per quanto fanno quotidianamente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento