menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Fico Eataly World la sfoglia al mattarello più lunga del mondo, nel team anche una cesarina abruzzese

Una sfoglia da guinnes per il “dream team” di 55 persone composto da “Cesarine” di dieci regioni italiane 120 metri

Una sfoglia da guinnes al FICO Eataly World a Bologna dove domenica è stato battuto il record di una specialità tutta italiana, incoronando la città capitale mondiale della sfoglia. All’opera un dream team di 55 tra "Cesarine" da 10 regioni italiane tra cui anche l'Abruzzo, "Mariette" di Casa Artusi, i giovani della start up Sfogliamo, l’Associazione Sfogline Bolognesi e quelle della San Nicola di Castelfranco Emilia.

Nel giorno della festa della mamma, lo “sfoglina day” ha visto all’opera un dream team arrivato da tutta la Penisola: le Cesarine, la più antica rete di cuoche casalinghe d'Italia arrivate a Bologna da Piemonte, Abruzzo, Lazio, Veneto, Calabria, Toscana, Sicilia, Umbria, Lombardia e da tutta l’Emilia Romagna.

Gli artisti del mattarello hanno prodotto la sfoglia più lunga del mondo sotto gli occhi di migliaia di appassionati e curiosi, che hanno assistito all’impasto, alla stesura e alla misurazione della striscia di pasta fresca. Subito dopo si è passati al taglio dei diversi formati e alla confezione delle paste ripiene, mentre sfogline e sfoglini hanno raccontato al pubblico la propria esperienza e i propri segreti,svelando l’incredibile varietà di tradizioni, formati, ingredienti, ripieni e condimenti.

Per “Sfoglia da record” sulla spianatoia sono nati fettuccine e ravioli ripieni di ricotta e spinaci dal Lazio;dall’Abruzzo i maccheroni alla chitarra; i piemontesi ravioli ripieni di patate, porri e salsiccia; i casunzei all’ampezzana con ripieno di barbabietola, patate e rapa; i maltagliati calabresi; dalla Toscana i panniccelli con ricotta e spinaci; i maccheroni siciliani; fino ai classici emiliano-romagnoli, tortelloni romagnoli con erbe di campagna e ricotta, cappelletti, tagliatelle, tortellini, rosette con prosciutto cotto e formaggio, balanzoni con il ripieno del tortellino e del tortellone, lune piene con ripieno di pere e formaggi, strichetti, tortelloni con ripieno di ricotta e prezzemolo.

Bologna si conferma capitale mondiale della sfoglia e delle pasta all’uovo: la misura aurea della tagliatella è custodita nella Camera di Commercio, con i suoi 8 leggendari millimetri di larghezza, e la ricetta del ragù alla bolognese dal 1982 è depositata all’Accademia Italiana della Cucina.

Le tagliatelle sono, insieme a lasagne e tortellini, capisaldi della cucina petroniana ma anche italiana, tanto che il presidente della Fondazione FICO, Andrea Segrè, ha lanciato la proposta di avviare il percorso perché il tortellino venga riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento