rotate-mobile
Venerdì, 1 Dicembre 2023
Attualità Altino

Festival del peperone dolce di Altino, Selva si aggiudica il Palio culinario delle contrade

La contrada ha vinto per il suo menu "gourmet". Premi anche a Silvestrina, Fonte Lama e Vrecciuole sott' a lu monde che hanno saputo valorizzare il prodotto tipico locale

La Selva vince il Palio culinario delle contrade nell'ambito del Festival del peperone dolce di Altino. Si è conclusa nel fine settimana la manifestazione che ha celebrato il prodotto tipico locale, il peperone 'a cocce capammonde'.

"È stata una delle più emozionanti e gratificanti", ha commentato il presidente dell'Associazione di tutela del peperone dolce di Altino, Mario Nicola D'Alonzo. Gli chef della giuria presieduta da Ermanno Di Paolo hanno avuto un bel da fare: "Tutte le contrade hanno preparato menu di qualità”, tanto da meritare ognuna delle otto sfidanti una menzione per un piatto, un primo, un secondo o un dolce a base di peperone dolce di Altino.

La Selva si è aggiudicato il Palio culinario delle contrade con il primo "C'era una volta il Raviolo", il secondo "Ricordi di coniglio" e il dolce "Zeppola rossa". "La Selva ha proposto un menu gourmet - sottolineano gli chef della giuria - riuscendo a coniugare, con professionalità e rigore, tradizione e innovazione, arrivando al cuore dei sapori".

Il premio per il piatto d'autore, intitolato ad Annamaria De Laurentiis, è stato assegnato alla Silvestrina, per il dolce "Terra e libertà". "Interpretare il peperone dolce in pasticceria è arte assai complessa", dicono i giudici. "Nota croccante, gusto e morbidezza" sono i contrasti ben riusciti che hanno messo nel giusto risalto il principe del Festival.

Il premio del folklore, intitolato a Franco Scutti, è stato vinto ex aequo da Fonte Lama e Le Vrecciuole sott' a lu monde. Secondo gli esperti, Fonte Lama ha messo in risalto la tradizione altinese mentre Le Vrecciuole sott' a lu monde ha mostrato si è distinta per originalità.

Infine, il nuovo premio per il miglior costume, introdotto nell'ambito del folklore e intitolato a Maria Tamburrino, contradaiola scomparsa tragicamente un anno fa, è stato assegnato alla Silvestrina.

Nota di colore, infine, è stata la presenza di Davide Nanni, chef 'wild', abruzzese di Castrovalva, che si è lasciato conquistare dal Festival e dal peperone dolce di Altino. "Una delle più belle manifestazioni mai viste in vita mia e che rappresenta a pieno l’essenza abruzzese - commenta lo chef il giorno dopo -. Calore, folklore, ospitalità, ottimo cibo e un paese meraviglioso con spettacoli in ogni piazzetta e stradina. Una grande macchina organizzativa che permette di vivere un territorio magnifico e che lavora ogni giorno per tutelare un prodotto fantastico come il peperone dolce. Altino - conclude - mi hai riempito il cuore, sei stata casa!".

"La buona riuscita del Festival del peperone dolce di Altino - conclude il presidente D'Alonzo - è frutto della sinergia tra l'Associazione di tutela, l'amministrazione comunale, i volontari della Pegaso e la Pro loco di Altino".

La contrada vincitrice

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival del peperone dolce di Altino, Selva si aggiudica il Palio culinario delle contrade

ChietiToday è in caricamento