rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Attualità Gessopalena

La Fanciulla n. 1 di Franco Summa arriva a Gessopalena

L'installazione è frutto di un progetto che l’artista, scomparso nel 2020, aveva concepito nel segno di una relazione profonda con la terra di origine. Sabato 3 settembre l'inaugurazione

La Fanciulla n. 1 di Franco Summa arriva a Gessopalena: sarà inaugurata sabato 3 settembre, alle 10,30, nell’area del belvedere di Santa Maria Maggiore la scultura monumentale del Maestro Franco Summa. L’installazione è realizzata dalla Fondazione Pescarabruzzo in partnership con il Comune di Gessopalena e la Fondazione Summa.

Si tratta di opere postume di un progetto (in serie di 12, le “Fanciulle d’Abruzzo”) che l’artista scomparso nel 2020 aveva concepito nel segno di una relazione profonda con la terra di origine: le “Fanciulle” sono sculture che omaggiano i lineamenti femminili con l’inconfondibile impronta della grammatica del colore codificata da Summa nel tempo. Figure iconiche e tornite, le “Fanciulle” richiamano ad una femminilità gentile e accogliente, quasi una dea tutrice della “madre terra”. 

All’evento di inaugurazione interverranno Nicola Mattoscio, presidente della Fondazione Pescarabruzzo, che ha proposto e realizzato l’installazione dell’opera; Mario Zulli, sindaco del Comune di Gessopalena che ne ha autorizzato l’installazione; Ottorino La Rocca, presidente della Fondazione Summa che tutela l’eredità artistica del Maestro Summa; Antonio Di Marco, presidente dell’associazione “I borghi più belli d’Italia” Abruzzo e Molise e Alessandro Masi, storico dell’arte e segretario generale della Società Dante Alighieri. 

“La Fanciulla n. 1 del M° Franco Summa installata in uno dei luoghi più panoramici di Gessopalena, dialogherà in un’armonia scenica con l’opera “La Morgia”, capolavoro del genere landart dell’artista greco Costas Varotsos, realizzata nel 1997 sulla roccia dall’omonimo nome e visibile dal belvedere” dichiara il presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Nicola Mattoscio, che aggiunge: “Inauguriamo quindi un’altra delle 12 Fanciulle, frutto di un progetto che, attraverso la loro dislocazione territoriale, definisce un vero e proprio percorso turistico-culturale, in una logica anche di integrazione delle aree urbane e dei borghi storici”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fanciulla n. 1 di Franco Summa arriva a Gessopalena

ChietiToday è in caricamento