rotate-mobile
Attualità

Studenti e over 65 insieme per promuovere il volontariato e combattere la solitudine della pandemia

All'auditorium Cianfarani l’evento finale del progetto sociale “Sos Voglia di Vivere”, che ha coinvolto più di 120 studenti dei due istituti scolastici e 120 over 65 delle province di Pescara e Chieti

Un pubblico di giovani e over 65 è stato presente all’evento finale del progetto sociale “Sos Voglia di Vivere”, che si è tenuto all’auditorium Ciafarani del museo archeologico nazionale “La Civitella di Chieti. La manifestazione è stata organizzata per presentare un bilancio delle attività svolte nei mesi scorsi dall’associazione Domenico Allegrino Odv (capofila), insieme ai partner Meridiani Paralleli di Chieti, Centro Italiano Femminile Consultorio Familiare (Cif) di Chieti, Avis provinciale di Chieti, Avis di Pennadomo, Avis di Casoli, Dipartimento di Salute Mentale della Asl  Lanciano-Vasto-Chieti e ai collaboratori Comune di Chieti, liceo classico G.B. Vico di Chieti, liceo classico G. D’Annunzio e Dopolavoro Ferroviario di Pescara.

Il progetto ha coinvolto più di 120 studenti dei due istituti scolastici e 120 over 65 delle province pescarese e chietina. Le attività sono state mirate alla sensibilizzazione sul valore del volontariato, alla custodia della memoria, al benessere fisico e mentale e a contrastare gli effetti psicologici provocati dalla pandemia. 

“In nove mesi abbiamo raggiunto i risultati attesi nonostante le difficoltà incontrate a causa delle restrizioni anti -Covid - spiega Antonella Allegrino, fondatrice dell’associazione - Gli studenti di Pescara hanno avuto modo di partecipare a corsi sul volontariato che si sono svolti sia con la formula della dad (didattica a distanza) sia in presenza, si sono impegnati in attività a sostegno degli anziani nella nostra sede e nel Poliambulatorio ‘Domenico Allegrino’ e, dopo averli affiancati in un laboratorio sull’uso del web e degli smartphone, hanno persino creato un blog con tante informazioni e consigli utili a loro rivolti".

"Anche gli studenti di Chieti hanno seguito un corso sul volontariato e una parte di essi ha raccolto  una decina di testimonianze di over 65. Questi racconti hanno ispirato altrettanti testi, molto intensi e toccanti, portati in scena nella manifestazione di chiusura del progetto. Gli over 65 sono stati i beneficiari di una serie di attività organizzate nell’ambito del progetto: hanno usufruito di controlli sanitari per verificare il benessere fisico e mentale, hanno partecipato a sedute di psicoterapia, hanno seguito corsi per utilizzare lo smartphone e navigare su Internet, hanno fatto parte di community in cui sono state proposti esercizi di ginnastica dolce e per la mente e tante informazioni utili per la loro routine quotidiana, hanno potuto contare su una linea telefonica di supporto e, infine, hanno avviato coltivazioni negli orti sociali dell’associazione. Tutte queste attività hanno consentito loro di socializzare e contrastare condizioni di solitudine e disagio causate anche dalle restrizioni anti Covid. È stato un progetto complesso che ci ‘restituito’ molto in termini di esperienza e coinvolgimento e ci ha arricchito tantissimo sul piano umano. Ancora una volta la ‘rete” creata con partner e collaboratori, che ringrazio per la disponibilità e l’entusiasmo, ha dato risultati preziosi. Una delle attività, la linea telefonica gratuita‘Pronto Eccomi’ sta andando avanti nonostante il progetto sia giunto a conclusione. Il servizio, attivato per offrire sostegno agli  over 65 che hanno risentito particolarmente degli effetti della pandemia, è diventata un punto di riferimento per molte persone sole alle quali vogliamo continuare a garantire la nostra vicinanza”.

“E’ stato un progetto bellissimo che ha valorizzato una serie di competenze ed energie territoriali in un momento così difficile come la pandemia – ha sottolineato Mara Maretti, assessore all’Innovazione Sociale al Comune di Chieti, intervenuta alla manifestazione all’Auditorium Cianfarani - Essendo trasversale per il coinvolgimento intergenerazionale ha aumentato anche il valore dell’attività progettuale. È stato un successo anche dal punto di vista della costruzione di una ‘rete’ di associazioni, necessaria da un lato per ottimizzare le risorse  ma anche per rendere più efficace l’impatto delle azioni” .

Il progetto “Sos Voglia di Vivere” è stato realizzato nell’ambito del finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale per la realizzazione di attività di interesse generale di cui all’art.5 del codice del Terzo settore”, Attuazione art.73 D.Lgs 117/2017 (CTS), Piano operativo approvato con DGR Abruzzo n.434/2020 28 luglio 2020, e successivamente con Determinazione DPF014/82 del 29 luglio 2020, determina di approvazione della graduatoria finale N. DPG022/23 del 17/11/2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti e over 65 insieme per promuovere il volontariato e combattere la solitudine della pandemia

ChietiToday è in caricamento