rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Ecomafie, l'Abruzzo a metà classifica nel rapporto di Legambiente: "Per questi reati non c'è lockdown"

Chieti e provincia al secondo posto in Abruzzo con 236 reati, 245 denunciati e 54 sequestri

La pandemia non ha fermato i reati ambientali e nel rapporto "Ecomafia 2021", realizzato da Legambiente con il sostegno di Cobat e Novamont e pubblicato da Edizioni Ambiente, con 1.211 reati accertati, 1.185 denunciati e 430 sequestri l'Abruzzo occupa la metà della classifica.

Chieti e la sua provincia in ambito regionale sono seconde con 236 reati stanati, 245 denunciati e 54 sequestri legati alle ecomafie. La prima è Pescara (510 reati 462 denunciati e 286 sequestri), seguono L'Aquila (186 reati, 118 denunciati e 58 sequestri) e Teramo (109 reati, 215 denunciati e 30 sequestri).

Tra i reati più frequenti in Abruzzo figurano gli incendi boschivi che sono dell'8,1% sopra la media nazionale e i reati contro gli animali che rappresentano il 23,5% del totale. 

"Nel 2020, anno nero segnato dalla pandemia da Covid-19, - dice Giuseppe Di Marco, presidente regionale di Legambiente - l'ecomafia non conosce lockdown e pause, né risparmia l'ambiente. Non si deve assolutamente abbassare la guardia contro i ladri di futuro,  a maggior ragione in un momento storico in cui dovremo spendere ingenti risorse pubbliche previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Va scongiurato in ogni modo il rischio di infiltrazioni ecomafiose nei cantieri per la realizzazione di opere ferroviarie e portuali, impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e di riciclo dei rifiuti, depuratori, interventi di rigenerazione urbana, infrastrutture digitali, solo per fare qualche esempio delle opere che servono alla transizione ecologica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecomafie, l'Abruzzo a metà classifica nel rapporto di Legambiente: "Per questi reati non c'è lockdown"

ChietiToday è in caricamento