menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle passate edizioni della Via Crucis dei lavoratori

Una delle passate edizioni della Via Crucis dei lavoratori

La Via Crucis dei lavoratori torna in diretta tv, con la benedizione di monsignor Forte

Oltre a coro e orchestra dell'arciconfraternita del Sacro monte dei morti, saranno protagonisti i quadri degli studenti del liceo artistico Nicola da Guardiagrele

Il Covid non ferma la Via crucis dei lavoratori organizzata dalle Acli provinciali di Chieti, che hanno scelto di raggiungere i fedeli attraverso la televisione, con un giorno di anticipo. 

Anziché nella Domenica delle Palme, la 48esima edizione sarà tramessa in diretta su Rete 8 sabato 27 marzo, alle ore 20.20. Due repliche sono previste domenica 28 marzo, alle ore 17 e alle 21, su Rete 8 news (canale 112) e sabato 3 aprile, alle 21, sempre su Rete 8. 

Il video delle stazioni sarà registrato con la partecipazione dei parroci delle 14 parrocchie di Chieti, dei lavoratori, dei commercianti, degli artigiani, dei professionisti, dei rappresentanti del volontariato, delle forze dell’ordine, del mondo associativo, dei nonni e delle Acli. La riflessione sulla Resurrezione sarà fatta dagli artisti, dal presidente nazionale delle Acli, Emiliano Manfredonia. Ci sarà inoltre la benedizione di monsignor Bruno Forte.

Il commento musicale è del coro dell’Arciconfraternita del Sacro Monte dei Morti, diretto dal M° Loris Medoro, accompagnato dall’orchestra diretta dal M° Giuseppe Pezzulo.

I quadri delle stazioni sono stati realizzati dagli studenti del liceo artistico Nicola da Guardiagrele di Chieti. Le riprese e gli adattamenti televisivi, che hanno visto la collaborazione della presidenza provinciale delle Acli di Chieti, sono realizzati da Alberto Capo con la regia di Mimmo D’Alessio.

Le letture che compongono la Via Crucis sono state affidate ai 14 parroci di Chieti, ai nonni e alle diverse realtà del lavoro che hanno aderito all’invito delle Acli provinciali.

Questo è lo schema della Via Crucis 2021: I Stazione - Gesù è condannato a morte - affidata alla Parrocchia di San Giustino e alla Polizia Municipale di Chieti; II Stazione - Gesù è caricato della croce - affidata alla Parrocchia di Sant’Agostino e ai Nonni; III Stazione - Gesù cade la prima volta - affidata alla Parrocchia del Santissimo Crocifisso e alla Protezione Civile Protezione civile; IV Stazione - Gesù incontra la madre -  affidata ai Parrocchia di San Francesco de Paola e al mondo della scuola; V Stazione - Gesù è aiutato dal Cireneo - affidata alla Parrocchia Madonna degli Angeli e alla Capanna di Betlemme- Comunità Papa Giovanni XXIII di Don Oreste Benzi; VI Stazione - Gesù asciugato dalla Veronica - affidata al Parrocchia della Madonna delle Piane e agli avvocati; VII Stazione - Gesù cade la seconda volta - affidata alla Parrocchia Santa Maria de Cryptis e dagli Operatori del 118; VIII Stazione - Gesù incontra le donne di Gerusalemme - affidata alla Parrocchia di Sant’Anna e dagli operatori della ristorazione; IX Stazione - Gesù cade la terza volta - affidata alla Parrocchia dei 12 Apostoli e ai Vigili del Fuoco; X Stazione - Gesù spogliato delle vesti - affidata alla Parrocchia di Sant’Antonio Abate e ai commercianti; XI Stazione - Gesù è inchiodato alla croce - affidata alla Parrocchia San Camillo de Lellis e agli artigiani; XII Stazione - Gesù muore in croce - affidata alla Parrocchia di San Francesco Caracciolo e ai medici;  XIII Stazione - Gesù è deposto dalla croce - affidata alla Parrocchia di San Martino ed alla Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Chieti – XIV Stazione - Gesù è deposto dal Sepolcro - affidata alle ACLI di Chieti.  Ci sarà infine la riflessione sulla Resurrezione con i rappresentanti degli artisti, con il Presidente Nazionale delle ACLI, Emiliano Manfredonia e con l’Arcivescovo di Chieti e Vasto, Monsignor Bruno Forte.

"La Via Crucis dei Lavoratori - spiega Giulio Totaro, presidente provinciale delle Acli di Chieti - anche quest’anno pone la preghiera come indicazione del percorso che tutto il mondo del lavoro deve compiere per essere strumento di promozione umana. Abbiamo voluto che, con i parroci di Chieti, ci fossero coloro che maggiormente sono impegnati e che più stanno soffrendo in questa difficile pagina della nostra storia. Lavoratori, commercianti, artigiani, il mondo della scuola e del volontariato, le forze dell’ordine e le associazioni, i medici e gli avvocati ma anche gli artisti e i nonni, riserva aurea delle nostre famiglie, saranno la voce del mondo del lavoro lungo la via Crucis che vede nella luce della Resurrezione la speranza di ogni domani".    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento