rotate-mobile
Attualità

Il governo detta le regole per le feste: green pass a 6 mesi, FFp2 negli eventi pubblici, senza vaccino neanche un caffè al bancone

Green pass rafforzato esteso alla ristorazione al banco, niente eventi in piazza fino a fine gennaio per evitare assembramenti, chiudono anche le discoteche. Le misure sul piano nazionale

Feste di Capodanno cancellate, la validità del green pass rafforzato che scende da 9 mesi a 6, l’obbligo di mascherine all'aperto anche in zona bianca e di vaccino anche per prendere un caffè al bancone del bar. Queste e altre le nuove misure anti-Covid per le festività varate dal governo Draghi, per contrastare l'aumento dei contagi trainati dalla variante omicron.

A illustrare il decreto, al termine del Consiglio dei ministri, il ministro della Salute Speranza, il coordinatore del Cts Locatelli e il portavoce del Cts Brusaferro in conferenza stampa.

Proprio un’ordinanza del ministro Speranza riduce a 4 mesi il periodo minimo per la somministrazione del richiamo vaccinale e della terza dose, dal primo febbraio.

La validità del "green pass rafforzato" - che possiede chi si è sottoposto a vaccino o è guarito dal Covid da meno di 6 mesi - scenderà invece da 9 a 6 mesi, sempre a partire dal primo febbraio 2022. Lo stesso diventa obbligatorio anche per accedere a musei, piscine, palestre; dall'obbligo sono esclusi i minori di 12 anni e i soggetti esentati dalla campagna vaccinale. Il super green pass servirà anche per il caffè al banco del bar perchè, come è stato deciso, fino al 31 gennaio chi non è vaccinato o guarito dal Covid non potrà neanche entrarvi per consumare al bancone.

L’obbligo di mascherine all'aperto anche in zona bianca sarà valido fino al 31 gennaio, inoltre bisognerà munirsi di mascherine Ffp2 a bordo di bus, tram, metro, treni e aerei, ma anche in stadi e palazzetti dello sport, al cinema e nei teatri all'interno dei quali verranno vietati il consumo di cibo e bevande. Vietati anche eventi e feste che implichino assembramenti: le discoteche, ha deciso il consiglio dei ministri oggi, resteranno chiuse fino al 31 gennaio. La terza dose di vaccino o il tampone diventeranno necessari per accedere nelle strutture residenziali per anziani (rsa).

"Si tratta di misure - ha spiegato Speranza - che possono creare condizioni di maggiore protezione per i nostri concittadini. Il vaccino però resta l'arma fondamentale perchè questa variante ha una capacità di contagio molto più veloce".

Il governo ha anche stanziato nove milioni di euro per l’individuazione e il tracciamento dei casi positivi nelle scuole. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il governo detta le regole per le feste: green pass a 6 mesi, FFp2 negli eventi pubblici, senza vaccino neanche un caffè al bancone

ChietiToday è in caricamento