D'Amario: "Sì alla ripartenza, ma devono esserci garanzie contro nuovi focolai"

Il componente del Comitato tecnico scientifico interviene sulla fase 2: silvicoltura, edilizia e manifatturiero attività considerate meno a rischio

"Ripartire ma con garanzie contro i nuovi focolai: c'è stata una grande mitigazione del rischio contagio ma la circolazione del virus è ancora molto importante". Ad affermalo è Claudio D'Amario, componente il Comitato tecnico scientifico incaricato dalla Giunta regionale abruzzese per l'emergenza Covid 19 riferendois alla cossiddetta fase 2.

"L''epidemiologia - ha spiegato l'esperto durante la rubrica della Regione Sos coronavirus - non fa distinzioni temporali, segue l'andamento dei contatti sociali. Possiamo dire che sicuramente cambiano gli approcci ed è chiaro che il distanziamento non può più essere il solo antagonista al Covid".

Secondo D'Amario, nella gestione della fase 2 le regioni dovranno garantire anzitutto la gestione della malattia Covid in "percorsi separati, avere cioè ospedali o padiglioni dedicati, completamente isolati; una attenta gestione delle strutture residenziali, e l'intercettazione dei focolai domestici per la gestione precoce delle complicanze, con un monitoraggio attento a domicilio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elementi di garanzia, come li chiama D'Amario, finalizzati alla ripartenza e a prevenire nuovi focolai. Tra le attività considerate meno a rischio ci sono la silvicoltura, l'edilizia e il manifatturiero mentre nelle attività turistiche, per D'Amario, i rischi sarebbero più consistenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: oggi in Abruzzo 11 nuovi casi, 3 persone in terapia intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento