menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crescono i turisti in Abruzzo (+15%): meta dell'estate per sport, bellezze naturali e mare

Lo rileva l'indagine sull'impatto dell'emergenza Covid realizzata da Isnart-Unioncamere, l'Osservatorio sull'economia del turismo

Saranno circa 740mila i turisti italiani che visiteranno l'Abruzzo nel corso dell'estate 2020, con una crescita del 15% rispetto al 2019. Si tratta di una delle migliori performance tra le regioni italiane. Lo hanno annunciato l'assessore al turismo Mauro Febbo e il presidente Isnart-Unioncamere, Roberto Di Vincenzo, che questa mattina, nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella sede pescaerse della Regione Abruzzo, hanno illustrato i dati salienti dell'indagine sull'impatto dell'emergenza Covid realizzata da Isnart-Unioncamere, l'Osservatorio sull'economia del turismo.

"In Abruzzo, il turismo è vivo e riparte con numeri e dati soddisfacenti - ha detto l'assessore Febbo - sono previsti circa 740mila turisti italiani cnel corso dell'estate, con una crescita del 15% rispetto al 2019. Un dato confermato anche dagli operatori economici del settore, che iniziano a registrare flussi importanti di turisti. Dopo la pandemia - osserva - la nostra regione sarà scelta soprattutto dai turisti provenienti dalla Lombardia e dal Piemonte. E scelgono l'Abruzzo soprattutto per praticare sport, come il cicloturismo e il trekking, visitare le bellezze naturali e vivere il mare che, dagli ultimi dati, è pulito e accogliente".

A scegliere l'Abruzzo, secondo l'indagine, sono soprattutto le famiglie (44%), che "scelgono la nostra regione perché è una destinazione in cui si può viaggiare senza spendere troppo, dove la qualità si accompagna alla convenienza delle strutture. In media - osserva ancora il presidente Isnart Roberto Di Vincenzo - questo aspetto sembra non essere particolarmente rilevante ma evidentemente le località abruzzesi sono in grado di garantire meglio questa condizione".

In Abruzzo, secondo l'indagine, viene privilegiato un modello di permanenza più lungo della media, superiore alla settimana: quasi la metà dei turisti si fermerà per un periodo compreso tra 7 e 13 notti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento