menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Chieti, trapianto di cornea durante l'emergenza Covid

L'attuale normativa vigente consente l’esecuzione di trapianti d’organo che sono da considerare urgenze chirurgiche. L'intervento è stato eseguito dal professor Mastropasqua

Primo intervento durante il lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19 per un trapianto di cornea in una giovane paziente. L’operazione chirurgica è stata effettuata mercoledì 29 aprile, dal professor Leonardo Mastropasqua, direttore del centro nazionale di Eccellenza in Oftalmologia dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, all’Ospedale “SS. Annunziata” di Chieti.

L'attuale normativa vigente consente l’esecuzione di trapianti d’organo che sono da considerare urgenze chirurgiche. La rilevanza dell'intervento è lega anche all'attualità del momento, poiché è stato il primo trapianto di cornea effettuato in Italia con chirurgia robotica durante la pandemia Covid-19.

"Effettuare un taglio così preciso ad una profondità definita della cornea del paziente è possibile solo grazie all’alta tecnologia applicata alla chirurgia robotica della cornea - sottolinea Mastropasqua - . Il nostro centro è il riferimento nazionale per questa tecnologia. Attraverso un laser a femtosecondi, ultraveloce e ultrapreciso infatti si possono programmare ed eseguire tagli sulla cornea a profondità e direzione predefiniti e predicibili, senza indurre infiammazione dei tessuti".

Il centro nazionale in Oftalmologia dell’Università “G.d’Annunzio”  continua quindi a seguire i propri pazienti in tutta sicurezza, dando la priorità a interventi chirurgici  che non possono essere rimandati, come il trapianto di cornea, la chirurgia del glaucoma, il distacco di retina, e quelli conseguenti ad eventi traumatici.

"Abbiamo trascorso gli ultimi due mesi a fronteggiare l'emergenza - ha detto Mastropasqua -  ma ora è tempo di ripartire e tornare a prestare le cure più adeguate ai pazienti che presentano altre patologie, nel rispetto di tutti gli standard di totale sicurezza per pazienti e operatori sanitari".

Nel centro la Asl fa sapere che "vengono seguite procedure di sicurezza rigide: tutti i pazienti sono preventivamente studiati con rilevamento della temperatura all’ingresso e precisa anamnesi definita dalle linee guida della Società Oftalmologica Italiana e dell’American Academy". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento