Coronavirus, 66 ricoveri nel fine settimana: "Finiti i posti nei reparti di Malattie infettive"

"La situazione è molto critica" avverte il governatore regionale Marsilio. Nel weekend impennata di contagi in Abruzzo

Impennata di contagi nel fine settimana in Abruzzo  dove gli ospedali hanno saturato la capacità di assorbimento dei malati. Tra venerdì pomeriggio e domenica, qui, sono stati ricoverati complessivamente 66 pazienti con tampone positivo al Covid-19. 

“I posti nei reparti di Malattie infettive sono finiti, dobbiamo prendere decisioni dolorose e sottrarre spazi di cura ad altre patologie per dedicarli a persone che, altrimenti, come già accade altrove, rimangono sulle ambulanze" a lanciare l’allarme è il presidente della Regione Marco Marsilio. Che aggiunge: "Non siamo oltre la soglia di guardia, ma l'autonomia che ci resta è di pochi giorni o addirittura ore. Da giorni abbiamo più di 400 positivi al giorno. Ci siamo confrontati col governo e la situazione è molto critica, abbiamo difficoltà a ospedalizzare i malati, perché oggi in ospedale i posti nei reparti infettivi sono ormai finiti e dobbiamo sottrarre spazi ad altre patologie".  

“È stata questa improvvisa e imprevedibile impennata ad aver saturato i posti letto che erano stati riservati all’emergenza – puntualizza l’assessore alla Salute, Nicolettà Verì -  questo, però, non significa che nei nostri ospedali non ci sia più posto per accogliere i malati. Sono infatti immediatamente scattati i protocolli di sicurezza per la rimodulazione temporanea dei posti letto in altri reparti della nostra rete, così come avvenuto nella prima.

"Purtroppo sono state fatte scelte sbagliate che ci hanno messo in condizione a ottobre di non essere pronti. Abbiamo decine di posti di terapia intensiva e di sub-intensiva, ma per quattro mesi non ci hanno fatto fare i lavori per realizzarli. Stiamo facendo i salti mortali per dimezzare i tempi - dicono ancora il governatore Marsilio e Verì - ma la Regione è costantemente al lavoro per monitorare la situazione e far fronte all’evoluzione della pandemia, assicurando a tutti le cure necessarie, così come avvenuto finora”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

  • Sempre più frequenti i lupi in città, il veterinario: "Nessun pericolo per l'uomo, attenti agli animali domestici"

  • L'Abruzzo resta in zona rossa: proroga di una settimana, ma Marsilio spinge per misure meno restrittive

Torna su
ChietiToday è in caricamento