Coronavirus: Diritti in movimento, Diapsi e Unasam uniti per la lotta al nemico invisibile con l'assistenza domiciliare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il direttore Generale della Asl di Lanciano – Vasto – Chieti Thomas Schael ha messo a punto con Francesco Cipollone, Direttore del Dipartimento di Medicina, un progetto, coordinato dallo stesso Cipollone, di pronta assistenza domiciliare dei pazienti affetti da sintomi anche lievi da Coronavirus. Al fine di un pronto intervento, ciascun assistito sarà dotato di un saturimetro, dispositivo che misura il livello di ossigenazione del sangue per individuare tempestivamente la eventuale desaturazione. In caso di segni di sofferenza respiratoria, su segnalazione del medico di medicina generale, per valutare le condizioni del paziente, arriva a domicilio una squadra formata da un medico e da un infermiere. L’innovativo progetto di pronto intervento prevede l’avvio immediato a domicilio del trattamento farmacologico finora praticato solo in ospedale, dato dalla combinazione tra idrossiclorochina, terapia antiretrovirale e azitromicina. 

A tal proposito, i sottoscritti Manlio Madrigale, Coordinatore "Diritti in Movimento" Chieti e "Diapsi"Abruzzo, Prof. Avv. Paolo Cendon fondatore Associazione Nazionale "Diritti in Movimento", Avv. Matilde Gianmarco responsabile "Diritti in Movimento" Abruzzo, Gisella Trincas Presidente "Unasam"Nazionale,Graziella Gozzelino Presidente Nazionale "Diapsi", e il Dott. Eugenio Spadano Presidente Comitato Italiano Città Unite "Giorgio La Pira" Abruzzo, esprimendo sostegno alla lungimirante e concreta proposta “targata” Schael – Cipollone che rende Chieti una eccellenza per la lotta al Coronavirus, chiedono di avviare assistenza domiciliare presso le abitazioni di persone fragili, anziani, diversamente abili, famiglie con disagi sociali,mobilitando le strutture previste dall'ordinamento giuridico D.S.M. e C.S.M.. I firmatari, ritengono che in questo momento di disorientamento epocale, tutti gli operatori di aiuto, dovranno porre in essere tutte le loro abilità e competenze nel settore della comunicazione interpersonale con una particolare attenzione all'ascolto attivo ed al dialogo con le persone fragili per evitare di perderli come potrebbe accadere. La forza e l'abnegazione dimostrata da tutti i componenti il mondo sanitario, della protezione civile, del volontariato, della Caritas Nazionale, costituiscono le fondamenta che ci condurranno lungo il percorso del ritrovarci tutti insieme. 

Manlio Madrigale, Coordinatore "Diritti in Movimento" Chieti e "Diapsi"Abruzzo. Prof. Avv. Paolo Cendon fondatore Associazione Nazionale "Diritti in Movimento". Avv. Matilde Gianmarco, responsabile "Diritti in Movimento" Abruzzo. Gisella Trincas, Presidente"Unasam"Nazionale. Graziella Gozzelino Presidente Nazionale "Diapsi". Dott. Eugenio Spadano, Presidente Comitato Italiano Città Unite "Giorgio La Pira" Abruzzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento