menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, in Abruzzo parte la sperimentazione con plasma donato da pazienti guariti

L’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì ha annunciato l'avvio della sperimentazione per valutare l’efficacia terapeutica e la sicurezza dell’immunoterapia passiva per il trattamento di pazienti da Covid

Al via in Abruzzo la sperimentazione che valuta l'efficacia terapeutica e la sicurezza dell'immunoterapia passiva con plasma donato da pazienti guariti da Covid-19. Ad annunciae il trattamento riguarda i pazienti colpiti da forme severe di Covid-19, è l'assessore alla Salute, Nicoletta Verì. 

A spiegare il presupposto dello studio è Pasquale Colamartino, direttore del Centro Regionale Sangue: 

Lo studio si basa sul presupposto che nel plasma dei pazienti guariti e immunizzati siano presenti i cosiddetti "anticorpi neutralizzanti specifici", che si ritiene abbiano la capacità di neutralizzare il virus Sars-Cov-2, distruggere le cellule infettate e ridurre il livello di infiammazione dei tessuti polmonari.

Inoltre, spieha Colamartino:

"L'immunoterapia passiva effettuata con l'impiego del plasma di pazienti guariti da Covid-19, potrebbe rappresentare una opzione terapeutica promettente nel trattamento delle infezioni da Sars-Cov-2, anche sulla base di precedenti esperienze positive sperimentate per il trattamento di altre infezioni virali come Sars, Mers ed Ebola".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento