menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, un cliente cinese fa arrivare mille mascherine al gruppo Codice Citra

A gennaio, con il sorgere della pandemia, il gruppo vitivinicolo aveva fatto altrettanto con i partner asiatici

"Siamo onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero e fiori dello stesso giardino” sono le parole di Socrate che accompagnano il dono di 1.000 mascherine inviate da un cliente cinese al gruppo Codice Citra, la principale realtà vitivinicola abruzzese.

Il cliente ha voluto “ricambiare” la stessa vicinanza dimostrata dell’azienda abruzzese a gennaio, quando, in piena emergenza in Cina, erano state spedite gratuitamente a Guangzhou altrettante mascherine. Non si tratta solo di uno “scambio di doni” nei momenti di difficoltà, ma di una vera e propria solidarietà reciproca che fa capire quanto sia importante lavorare in condivisione e partnership con i clienti anche dall’altra parte del mondo.

“Lavoriamo in Cina da oltre quindici anni, - commenta il presidente di Codice Citra, Valentino Di Campli – siamo presenti nelle principali città come Pechino, Shangai, Canton, Xiamen e Shenzhen, sia nei ristoranti e sia nei liquor store, e con tanti clienti abbiamo instaurato un rapporto 'familiare' che va molto al di là del mero business. Il nostro export manager Donato Nasuti, che segue il mercato asiatico, ha gestito questa importante donazione insieme al cliente cinese Micheal Jiang e i suoi partner a cui siamo enormemente riconoscenti. Siamo fieri che la nostra realtà cooperativa, oltre a portare i vini abruzzesi in tutto il mondo, sia promotrice di relazioni sincere, accorciando le distanze mondiali.

"In questo momento difficilissimo per il nostro Paese - aggiunge Di Campli - non ci siamo mai fermati e continuiamo a lavorare spinti dai valori della cooperazione. Un ringraziamento particolare è rivolto a tutti i collaboratori che ci aiutano a portare avanti il lavoro quotidiano e non hanno fatto mancare la loro vicinanza garantendo la presenza in sede. Spesso, diamo tante cose per scontate, mentre, oggi più che mai, ci rendiamo conto di quanto siano importanti quei momenti vissuti in famiglia accompagnati da un calice di vino. Anche noi, nel nostro piccolo, ci stiamo impegnando nel sostenere tutta la comunità locale attraverso un contributo alla Asl Lanciano Vasto Chieti e la donazione di mascherine alla zona rossa di Caldari, alle 9 cantine associate, ai collaboratori e alle loro famiglie. Infine, siamo contenti che i nostri vini allieteranno il pranzo di Pasqua di numerose famiglie bisognose e associazioni di volontariato sia in Lombardia, grazie alla collaborazione con il Banco Alimentare che li ripartirà in tutta la regione, sia in Abruzzo, attraverso la distribuzione capillare affidata alle nostre cantine associate.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento